[NonsoloGDT] Le Notti di Nibiru

scritto da Simone M.

In un lontano futuro la razza umana, che ha ormai scoperto gli angoli più remoti della galassia, costituisce la base di un vero e proprio Impero interplanetario insieme ad altre razze aliene. Durante una missione di esplorazione la flotta Virgo atterra su Nibiru, un pianeta finora sconosciuto.
Un lungo e imprevisto silenzio radio tagliò fuori la Virgo dal resto dell’Impero facendo credere agli ufficiali della flotta di essere ormai dei naufraghi spaziali e che dell’Impero Galattico non restasse più nulla. Da esploratori, i membri della Virgo si trasformarono in colonizzatori con l’intento di far rifiorire la razza umana e di scoprire cosa fosse successo alla galassia natia.  I padri fondatori, i Venerabili, convertirono le astronavi in nuclei abitativi che diedero vita a megalopoli ultra tecnologiche chiamate Edsi.
La costruzione di strumenti tecnologici sempre più complessi ed efficienti destabilizzò il potere dei Venerabili in quanto il resto dei coloni, i Discendenti, imputava proprio alla sete di conoscenza e di evoluzione la propria condizione. Iniziò così un periodo di guerra civile che culminò con l’allontanamento dei Venerabili. L’asprezza di Nibiru e il difficile adattamento all’ambiente fece via via dimenticare ai Discendenti l’interesse per il passato e le ricerche tecnologiche. Nibiru era vasto, abitato da creature ostili e caratterizzato da un lungo anno lunare dominato da mesi e mesi di notti infinite che infondono, agli umani, uno strano torpore. Nelle notti di Nibiru strane figure animali fatte di puro spirito sono le uniche entità a popolare l'oscurità.



Con Le Notti di Nibiru, Luca De Marini e Acchiappasogni entrano in punta di piedi nella grande distribuzione grazie al recente sodalizio con Red Glove. Questo progetto, scritto dallo stesso Luca De Marini a quattro mani con Daniele Fusetto, sarà infatti il protagonista del prossimo Gamebooster della casa editrice del guanto rosso e sarà, ovviamente, testabile durante la prossima Lucca C&G. Entriamo un po' più nel merito.

I – Qualche dettaglio in più sul sistema di gioco


Le meccaniche de Le Notte di Nibiru sono una rielaborazione di quelle utilizzate nel titolo di punta dell’Acchiappasogni, ovvero Destino Oscuro.
Sempre con quest’ultimo ne condivide, in generale,  la filosofia, cioè un sistema di regole intuitivo e con un largo uso di icone e simboli esemplificativi per non appesantire lo svolgimento della partita con valanghe di check di dado (o, come vengono chiamati nel regolamento, test) e lasciare molto spazio all'interpretazione, all'ambientazione e all'interazione fra Narratore/Gruppo di Gioco.
Il sistema di gioco si avvale, dunque, di un sistema di "test" molto semplice.
Ogni personaggio è dotato di alcune Caratteristiche e di una serie di Abilità i cui valori, combinati, danno un unico Valore Base (VB). Quando il Narratore chiede un test per superare un certo ostacolo nella trama, i giocatori sommeranno al VB due dadi a otto facce (2d8).
La somma finale si chiama Valore Effettivo (VE). Se il risultato è pari o superiore a 20 si ottiene un successo, al contrario un fallimento. Esiste poi una scala che misura la "forza" del successo o del fallimento che dà al Narratore degli spunti di ruolo e descrittivi precisi. In caso di test contrapposti, come il combattimento, il VE maggiore batte il minore.
Anche la scheda personaggio, seppur realizzata con colori piuttosto "elettrici", è molto semplice e intuitiva. Più si utilizza una certa combinazione di Caratteristica e Abilità e più questi elementi si potenziano e garantiscono test sempre più performanti.

II – Cos’è il Gamebooster?

In casa Red Glove sin dal primo progetto lanciato in questa modalità (Warstones di Andrea "l'amico di Dado" Chiarvesio) hanno tenuto a precisare che non si tratta di crowdfunding.

Il gioco viene comunque stampato e realizzato.
Il Gamebooster è un sistema di preordine online che coinvolge, oltre alla casa editrice, anche i negozi specializzati da cui si potrà ritirare il gioco.
Ordinando la propria copia del gioco infatti si contribuirà alla sua pubblicazione e allo sblocco di add-on esclusivi denominati Boost. Più copie del gioco vengono preordinate, più Boost si aggiungeranno al prodotto finale.

Alla fine della campagna di preordine il proprio gioco potrà essere ritirato nei negozi aderenti o, solitamente, presso gli stand della Red Glove presenti nei maggiori eventi ludici dello stivale.
Fico, no?

III – Sensazioni a caldo e conclusioni

I GDR targati Acchiappasogni si distinguono sempre per l'ambientazione particolare che mescola generi – o stereotipi di genere – per delineare universi al limite dell'onirico.

Fatta eccezione per la parentesi "marziale" di Musha Shugyo (GDR ispirato ai videogiochi picchiaduro) e di quella fantasy-rocambolesca di Darkmoor, i mondi descritti da Luca e soci tendono ad esplorare le zone d'ombra della realtà o a immaginare futuri plausibili in cui però la biotecnologia è qualcosa di filosofico o spirituale.
Futuri distopici dominati dalla metafisica più che dalla fisica.
Mondi in cui magia e leggenda si fondono al metallo di gigantesche navi spaziali che esplorano lo spazio profondo, in cui anima e corpo possono separarsi rimanendo collegati da flebili e mistici legami.

Se siete attratti dai GDR e prediligete le ambientazioni "pop" e la fantascienza, non potete farvi scappare questo titolo o una partita demo a Lucca C&G 2017.
Vi lascio questo link per scoprire ancora qualche dettaglio in più sull'ambientazione e quello del video di presentazione del gioco.

Alla prossima.

Si ringrazia Luca De Marini e l'Acchiappasogni per il materiale grafico in anteprima.

0 commenti:

Posta un commento

Powered by Blogger.