Recensioni Minute

Recensioni Minute - Halloween

scritto da TeOoh!

Tema: fantasmi che vogliono infestare una città. I giocatori impersonano una sfida tra Signori delle Tenebre. Miniature su un tabellone dai toni del nero e del viola. Dadi poliedrici a diverse facce...

Se tutto questo vi sta portando ad identificare un corposo american, be'... sappiate che non siete gli unici ad esser cascati in questo tranello! 
Halloween infatti, gioco per 2-4 giocatori di Angelo De Maio, edito dalla Quined Games, è invece un bel gioco di stampo tedesco della durata di circa 90 minuti (se giocato in 4, fate il conto di stare sui 25 minuti a giocatore).


La minutissima è: ogni giocatore esegue 3 azioni su 3 diverse righe della propria plancia. Ciascuna di esse permette di comandare i fantasmi presenti sul tabellone centrale che hanno un livello di forza pari o inferiore a quello della riga. I fantasmi possono: apparire, spaventare, muoversi, evolversi, combattere e infestare i Luoghi. Quando un giocatore riesce a infestare tutti i Luoghi o (tramite i segnalini raccolti) a conquistare 5 Carte Speciali, la partita termina e chi ha più punti vince.

Il cuore del gioco è abbastanza semplice da apprendere e gestire, ma è necessario essere discretamente esperti del mondo dei GdT, perché comunque si parla di 6 azioni ciascuna gestita in maniera differente. 

La complessità del gioco poi è data da differenti spunti:
  • non ci sono fantasmi propri, ma solo fantasmi comuni: va da sé che l'interazione diventa fondamentale da gestire, perché ogni upgrade lo è per tutti i giocatori;
  • gli unici modi per fare PV (a meno di Carte Speciali differenti) sono infestare un luogo e piazzarsi su una Carta Speciale. L'infestazione, però, può essere fatta 1 sola volta per Luogo da ciascun giocatore e 1 sola volta per Giocatore in ogni Luogo;
  • l'unica presenza dell'alea è nel combattimento: si lancia un dado con un certo numero di facce per il fantasma che attacca, un altro per quello che difende e bisogna ottenere un valore più alto con l'attaccante. È però possibile avere dei piccoli bonus o comunque attaccare con un fantasma molto più potente uno più debole per avere la quasi totale certezza nella riuscita;
  • le Azioni possibili sono gestite attraverso un numero finito e limitato di dischetti. Terminati quelli (o se si vuole eseguire una seconda volta un'Azione su una riga) è obbligatorio "riposare";
  • non si gioca a round: il giocatore iniziale rimane fermo durante la partita, semplicemente ciascuno gestirà come meglio crede i suoi turni di "riposare" fino al termine del gioco.

Insomma, come detto all'inizio, nonostante i materiali possano trarre in inganno, c'è davvero tanta carne al fuoco per chi cerca un controllo più teutonico.
Unico accorgimento: tenete ben illuminato il piano di gioco, poiché tutte le tinte sono molto scure e può essere difficile gestire bene il colpo d'occhio per non sbagliare mossa. Il gioco punisce, sì.

Devo trovarci qualcosa? Esiste nel regolamento una modalità "Master" che prevede di usare 4 righe anziché 3 per il controllo dei Fantasmi, elimina i token Bonus e le Carte Speciali e il combattimento è semplicemente vinto dal Fantasma più potente.
Ecco, già esistono dei momenti di partita in cui il giocatore attivo prova e riprova magari 2/3 volte la propria combinazione di mosse per ottimizzare, in cui si pensa un po'. Con quella modalità si va proprio ad appesantire molto di più il gioco. Resta a zero alea e dà a tutti le medesime possibilità, ma forse va fin troppo oltre la complessità per una ben più bassa variabilità e adattabilità.

Ok, mi fermo che altrimenti nel filmato rimane ben poco di approfondimento!
Link Egyp e buona visione!

0 commenti:

Posta un commento

Powered by Blogger.