recensione

[Recensione] Memoarrr!

scritto da Chrys

Il primo vero approccio a questo titolo è stato a Essen... ero tornato dalla cena con gli altri autori italiani e rientrando in albergo la sera tardi ho sbattuto in quella che è (per me) da sempre la scena più bella di questa fiera: l'intero pianterreno dell'albergo era pieno di ospiti piazzati su ogni tavolo, tavolino, bancone (o altre generiche superfici orizzontali) a provare i giochi acquistati... e questo, ormai lo so, in quei giorni avviene in ogni albergo di Essen. :D

In mezzo a tanta gente c'era anche un tavolino basso con 4 poltrone attorno che ospitava l'intero staff dV Giochi e sul tavolino c'era questo Memoarrr!, che già avevo intravvisto di sfuggita in fiera e che ho approfittato per farmi spiegare. Questo è stato il mio primo approccio al titolo e mi lasciò un'ottima impressione, tanto che il giorno dopo provai a comprarlo ma, ahimè, era esautito. ç__ç

Sono riuscito finalmente ad acquistarlo solo poco tempo fa online e, dopo averlo provato come si deve, eccomi finalmente qui a parlarvi di Memoarrr! (2-4 giocatori, 10-20 minuti) ideato da Carlo Bortolini (è la sua opera prima) e pubblicato da Pegasus Spiele.

È una rivisitazione piratesca che parte dal gioco del memory, ma riapplicandone il concetto base in maniera decisamente moderna e interessante. Non fate l'errore di vederlo come un gioco per bambini (e anzi... scommetto che molti di voi sputeranno sangue, soprattutto con le regole avanzate).


NELLA SCATOLA
La scatolina rettangolare di dimensioni medio-piccole (12x18cm) contiene il regolamento in inglese/tedesco e un mazzo di classiche carte quadrate di 8x8cm... in particolare abbiamo 7 carte tesoro (valori da 1 a 4 rubini), tre carte vulcano, 4 player aid  e 25 carte luogo/personaggio.

Queste ultime sono il cuore del gioco... in totale vi troviamo raffigurati 5 diversi personaggi (ognuno appare 5 volte) in 5 diversi luoghi (anch'essi appaiono 5 volte ciascuno). Inutile precisare che in queste carte abbiamo tutte le combinazioni possibili di luogo/personaggio e ciascuna è presente quindi una sola volta.

Le illustrazioni sono molto belle, colorate e fumettose (mi piacciono tantissimo) e le carte sono decisamente robuste.


COME SI GIOCA
A inizio partita mescolate le carte luogo/personaggio e create un griglia a faccia in giù di 5x5 carte. Rimuovete poi la carta centrale e piazzatevi le carte tesoro coperte e sopra tante carte vulcano quanti i giocatori al tavolo meno uno. A questo punto ogni giocatore si siede a un lato della griglia e guarda segretamente le tre carte centrali della fila più vicina a lui, dopodiché siamo pronti a partire!

Il primo giocatore girerà una carta qualsiasi (ma non una di quelle segretamente viste dai giocatori all'inizio), quindi il giocatore alla sua sinistra dovrà girare una nuova carta che abbia in comune con questa il personaggio o il luogo.

Se ci riesce la mano passa al giocatore successivo, che ora dovrà girare una carta con una delle due caratteristiche in comune con la nuova carta appena girata.

Se non ci riesce e gira una carta sbagliata prende la carta vulcano in cima al mazzo ed è fuori da questo giro... il giocatore alla sua sinistra dovrà comunque girare una carta con un elemento in comune con la carta appena girata (anche se era sbagliata).

L'ultimo giocatore a rimanere in gioco pesca la carta tesoro in cima al mazzo, poi si inizia un nuovo giro rimettendo i vulcani sulla pila dei tesori e girando le carte di nuovo a faccia in giù senza modificarne la posizione. Il nuovo primo giocatore sarà uno di quelli che prima aveva sbagliato (si guarda chi ha preso il vulcano con più uccelli che gli volano attorno; ogni vulcano ne mostra un numero diverso).

A fine partita si rivelano le carte tesoro e il giocatore con più rubini è il vincitore.

TESORI CON ORDINE FISSO
Questa variante ci dice di non mescolare le carte tesoro ma di posizionarle in ordine fisso a partire da quelle con un rubino fino a quelle con quattro rubini. Come potrete immaginare questa variante da un lato rende palesi i punti altrui (se hai vinto il 2° e il 4° round so che hai 1+2 punti), ma dall'altro permette quasi sempre di rimontare, visto che più si va avanti più i round valgono punti, cosa che mi piace molto... anche perché fa sì che i primi round valgano meno punti, il che è ragionevole visto che a inizio partita conosceremo solo 3 carte (quelle che guardiamo segretamente) mentre col procedere dei round ne conosceremo sempre di più... gli ultimi round sapremo teoricamente la posizione di quasi tutte le carte (se le ricordiamo o no è un altro paio di maniche). Io tra adulti la uso sempre.


MODALITÀ AVANZATA
In questa modalità, ogni volta che giriamo una carta corretta ne attiviamo anche l'abilità speciale che dipende dal personaggio raffigurato:
  • Il pinguino col cannocchiale ci permette di guardare segretamente un'altra carta a nostra scelta
  • Il polpo (o meglio, la polpa) con l'uncino si scambia con una delle 4 carte adiacenti ortogonalmente così da modificare la posizione delle carte.
  • Il tricheco capitano ci permette di indicare una carta coperta che il prossimo giocatore NON potrà scegliere... questo effetto permette grandissime bastardate. ;)
  • Il granchio con la gamba di legno ci fa immediatamente fare un'altro turno (il che può essere un bene, se sappiamo cosa girare, perché riduciamo le carte altrui oppure un male, se non siamo preparati)
  • La tartaruga mozzo non fa nulla


CONSIDERAZIONI FINALI
Il gioco è uno di quei titoli semplici, che puoi proporre a chiunque, ma che ti divertono e ti tengono al tavolo... la mia prima reazione al sapere della tematica "memory" mi ha fatto un po' storcere il naso (sono sicuro che anche qualcuno di voi avrà fatto lo stesso alle prime righe dell'articolo), ma alla fine il gioco mi ha preso... e io ho preso lui. ^__^

Spero che esca anche in italiano, perché dal prossimo anno potrebbe aggiungersi alla lista dei regalini natalizi dall'ottimo rapporto qualità/prezzo, ingrossando le fila dei classici come Dobble, Fantascatti, Timeline, Happy Salmon, Imagine, Sushi Go!, ecc.

Parlando del target a cui si rivolge, come già detto il gioco si rivolge praticamente a tutti e può mettere al tavolo assieme senza difficoltà grandi e meno grandi (il gioco è un 8+): non fate l'errore però di vederlo come un titolo per bambini. 


Parlando di difficoltà, le regole sono semplicissime da spiegare, ma è probabile che il titolo vi metta in difficoltà: l'Arrr! del titolo non è solo il classico suono piratesco, ma anche il verso che farete quando non riuscirete a ricordare dove diavolo erano i due pinguini che mancano (perché li avevate visti, i maledetti) o quando un avversario vi girerà, con un sorriso da squalo quella carta che sapeva bene essere per voi un'eliminazione automatica (perché quell'animale e quel luogo ha già tutte le carte a faccia in su).

La modalità avanzata aggiunge un livello di strategia in più e una maggiore interazione tra i giocatori, ma ve la consiglio solo dopo aver fatto almeno un paio di partite a quella base.

La durata della partita è quella dichiarata (10-20 minuti)... consideratelo tranquillamente un 5 minuti a giocatore. Perfetto come filler, ma anche come classico gioco da zainetto.


La scalabilità è abbastanza buona... non lo avrei detto, ma gira bene anche in 2 dove però la partita si fa molto incalzante e se entrambi hanno una buona memoria diventa quasi una sfida a trovare l'ordine corretto di carte per incastrare l'altro. Invece in 3-4 giocatori l'esperienza è pressoché identica.

Unica pecca (ma piccola) è la scatola, che poteva essere grande la metà... il gioco infatti stava anche nelle classiche scatoline metalliche della Coctail Games (come quella di Radio Londra) o in una scatolina più compatta (come quella di Origami). Normalmente la dimensione della scatola non mi interessa, ma trattandosi di un buon gioco da spiaggia una scatolina compatta l'avrebbe reso stipabile in una tasca. In compenso i feticisti delle bustine protettive non avranno problemi a far stare tutte le carte imbustate. XD

Il prezzo di listino è 9,90 euro... per me la decina di euro è quel costo che se il gioco è carino lo rende un acquisto irrinunciabile, ma ovviamente ciascuno valuti. ^__^ Vi segnalo che anche in questo caso il gioco lo trovate in vendita sul sito egyp.it oltre che nei migliori negozi specializzati.

-- Le immagini sono tratte dal manuale, da BGG, scattate da me o prese dal sito della casa produttrice (Pegasus Spiele) alla quale appartengono tutti i diritti sul gioco di cui si parla. Le immagini e regole sono state riprodotte ritenendo che la cosa possa rappresentare una gradita forma di presentazione del gioco. -- 

7 commenti:

  1. Approfitto di questa tua recensione (ottima e ricca di considerazioni sulle meccaniche di gioco come al solito) per augurarti buon anno e soprattutto per farti i miei complimenti per ORIGAMI. Il gioco è una vera chicca. L'avevo provato con te e mia moglie alla CON a Genova e già ci era piaciuto tanto. Sei riuscito a mettere in un mazzetto di carte un gioco oserei dire profondo (certo per il target a cui è rivolto). Spero che salga in classifica BGG (6098 è un po' basso per me). Saluti Marco R.

    RispondiElimina
  2. Contento di averti fatto scoprire un gioco bello :-)

    RispondiElimina
  3. Grande gioco. Grandissimo. :)
    Parti pensando di essere davanti ad una rimasticazione del classico MEMO e ti trovi di fronte, con due regolette, ad un vero gioco basato sulla memoria, ma divertente.
    A casa qui è stato un successo ed ancora abbiamo solo 'intravisto' le possibilità della versione 'avanzata' :)
    Secondo me un gioco dalle grande potenzialità (nel suo ambito, che è quello dei family puri).

    RispondiElimina
  4. Non capisco una cosa del regolamento pur semplice :) ... fra le eccezioni si dice che per il primo round il primo giocatore non può girare le carte che ha visto e quelle viste dagli avversari; presumo sia solo la prima mossa non per l'intera durata del round...o sbaglio io a leggere il regolamento in inglese o è scritto un po' male questa parte :) ....poi nell'esempio di gioco che riportano la prima mossa che fanno cos'è? proprio quella di girare una carta di quelle viste all'inizio...c'è qualcosa che non mi quadra :) ...qualcuno mi illumina?

    RispondiElimina
  5. Non ho mai letto il regolamento ma so per certo (conosco l'autore di persona) che solo la prima mossa del primo round il primo giocatore deve obbligatoriamente scegliere una carta che non sia fra qeulle viste da lui o dagli avversari.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ok grazie mille, proprio come pensavo ;)

      Elimina

Powered by Blogger.