[I Classici] Galaxy Trucker

scritto da cogo71 (Andrea C.)

[Ultimamente sto facendo gli straordinari a scrivere presentazioni per i nostri nuovi collaboratori ed è una bella sensazione. Oggi il benvenuto rituale va ad Andrea (cogo71), il quale si cimenta nella recensione di un grande classico come Galaxy Trucker, del quale mancava una nostra recensione. A lui va il nostro abbraccio e augurio di cementare rapidamente il rapporto con voi lettori con tanti bei contributi, come li stanno offrendo tutte le nuove leve, che stanno portando aria frizzante ed entusiasmo al blog :) Fabio-Pinco11]

Tanto tempo fa, in una galassia lontana, lontana...
No, mi dispiace per i fan di Star Wars, ma questa volta non avremo a che fare con l'Impero e la ribellione, con Jedi e Sith: infatti vestiremo i panni di "camionisti spaziali" al soldo della EssePIA S.p.A., una ditta edile interplanetaria per cui dovremo consegnare materiale negli angoli più reconditi dell'universo.
Galaxy Trucker è un gioco competitivo per 2-4 giocatori (età consigliata dai 10 anni in poi) ideato da Vlaada Chvátil (autore, tra l'altro, degli arcinoti e pluripremiati Nome in Codice e Through the Ages) pubblicato nel 2007 dalla CGE (Czech Games Edition) e portato in Italia dalla Red Glove nel 2010, fumettosamente illustrato da Tomáš Kučerovský e Radim Pech. Nel 2012 è risultato vincitore del premio italiano "Ludoteca Ideale" e ha ricevuto diversi riconoscimenti in tutto il modo.


Obiettivo del gioco è ottenere il maggior numero di crediti spaziali, che si possono guadagnare costruendo la propria nave con i pezzi messi a disposizione dalla EssePIA S.p.A. e, una volta salpati, cercando di consegnare merci, sconfiggendo pirati, evitando tempeste di meteoriti ed epidemie galattiche e sperando di giungere per primi a destinazione con la nave ancora integra. Sono tre i round a disposizione dei giocatori e, ad ogni turno, la nave da costruire sarà più grande e potente, ma le insidie del viaggio nello spazio profondo cresceranno di pari passo.

MATERIALI
Nella scatola rettangolare trovano posto 8 plance astronave double face (dov'è disegnata la forma che dovrà avere il nostro truck spaziale), una plancia di volo delle stesse dimensioni di quelle dell'astronave, 2 dadi, diversi tasselli di cartone a rappresentare gli agognati crediti spaziali, 144 tessere componenti, 60 carte avventura (20 per ogni round), una clessidra, diversi cubetti di legno che rappresentano le merci da consegnare, 4 segnalini che rappresenteranno le nostre navi spaziali, diversi segnalini di plastica che costituiscono gli equipaggi (sia umani che alieni), alcuni segnalini verdi a rappresentare le celle di energia e infine qualche tessera in cartone utilizzata per regolare lo svolgimento del gioco. Si tratta di materiali adeguati e funzionali al gioco: il cartone delle plance e dei componenti è piuttosto spesso e resistente, nella norma per il tipo di articolo e la fascia di prezzo in cui si colloca.
Il regolamento è molto chiaro, ben illustrato e ricco di esempi, inoltre c'è anche una sezione F.A.Q. per sbrigliare alcuni casi particolari in cui ci si potrebbe imbattere durante una partita. È scritto con una leggera vena comica (sono presenti dei riquadri con battute in tipico humor inglese) e strizza l'occhio al romanzo di Douglas Adams "Guida galattica per gli autostoppisti".


COME SI GIOCA
Ogni round è diviso in due parti (ed è proprio qui che sta la peculiarità del gioco): nella prima saremo impegnati a cercare di costruire la miglior astronave possibile con i componenti a disposizione; nella seconda la nave appena realizzata affronterà un pericoloso viaggio nello spazio per consegnare le merci raccolte lungo il cammino e venderle in cambio di crediti.
Il setup del gioco è semplice e veloce: ogni giocatore riceve una plancia-astronave che cambia a seconda del turno di gioco, mentre le tessere che rappresentano i componenti con cui costruire il proprio "camion spaziale" vengono poste al centro del tavolo coperte. Su goni tessera sono rappresentati i vari componenti: cabine per l'equipaggio, motori, cannoni, batterie, generatori di scudi, stive e moduli strutturali. La costruzione della propria astronave avviene in tempo reale: ogni giocatore, contemporaneamente agli avversari, raccoglie una tessera coperta dal centro del tavolo, quindi dopo averla visionata può decidere se utilizzarla e piazzarla nella propria scheda astronave o se scartarla e rimetterla al centro del tavolo, ma in questo caso già scoperta e a disposizione degli avversari.
Le tessere pescate devono essere piazzate rispettando il tipo di connettori disegnati sulle stesse e facendo attenzione a come vengono disposti motori e raggi laser.
Il primo giocatore che ritiene soddisfacente la propria astronave (che non deve per forza occupare tutta l'area disegnata nella plancia) prende la tessera ordine con il numero 1 (ce ne sono tante quanti sono i giocatori al tavolo) e fa partire un conto alla rovescia scandito da una clessidra, al termine del quale tutti i concorrenti dovranno interrompere la costruzione del proprio mezzo. Le tessere ordine determineranno l'ordine con cui le astronavi decolleranno.
A questo punto inizia il viaggio dei truck: dopo aver controllato che non siano state violate le regole di costruzione (nel qual caso si pagheranno penalità in termini di crediti), le carte volo vengono mescolate e i segnalini dei giocatori posizionati sulla plancia in base agli indicatori di ordine. Le carte volo che scandiscono il viaggio delle astronavi appena assemblate possono includere diversi eventi: attacchi di pirati spaziali, piogge di meteoriti, epidemie, pianeti con merci da raccogliere, navi abbandonate. Le carte vengono scoperte una alla volta ed ogni giocatore in base al proprio ordine di turno interagirà con l'evento descritto sulla carta, sperando che la nave non venga compromessa irrimediabilmente o che il carico non venga completamente saccheggiato: infatti ogni giocatore accumulerà crediti vendendo i materiali che sarà riuscito a portare a destinazione e ne perderà altri per aggiustare i danni subiti dal mezzo.
Come già detto in precedenza la partita finisce dopo tre round; dopo aver incassato tutte le ricompense e pagato tutte le penalità, il giocatore con più crediti sarà il vincitore.
Nel regolamento sono spiegate anche alcune varianti sia per accorciare la partita che per allungarne la durata e anche versioni di gioco a squadre e per giocatori esperti.

IMPRESSIONI
Galaxy Trucker è davvero spassoso e si basa su meccanismi veramente originali: ancora oggi, a distanza di diversi anni dall'uscita, risultano innovativi e singolari. La grafica si sposa perfettamente con l'ambientazione, inoltre le illustrazioni del regolamento e dei componenti del gioco risultano molto gradevoli e adatte al tema. La fase di costruzione della nave è frenetica, grazie al fatto che si gioca in contemporanea. Spesso può risultare più conveniente soffermarsi a valutare i componenti scartati dagli avversari (piuttosto che gettarsi nel mucchio di tessere ancora coperte), però chi lo fa viene presto assalito dall'impressione di perdere tempo e di lasciarsi sfuggire i componenti migliori. La tensione poi aumenta a dismisura quando viene completata la prima astronave e il primo giocatore fa partire il countdown con la clessidra.
Durante la fase del viaggio spaziale l'ansia e la smania lasciano il campo all'imprevedibilità: infatti, a seconda dell'ordine in cui si presenteranno gli eventi che i giocatori dovranno affrontare girando le carte avventura, non è scontato che essere i primi sia un vantaggio e la classifica potrebbe cambiare più volte nell'arco del round.
Pur non richiedendo una particolare esperienza da gamer (il gioco si spiega in fretta e si apprende altrettanto velocemente) sicuramente dopo qualche partita sarà più semplice e più veloce riuscire a costruire un'astronave in grado di affrontare le insidie di un viaggio intergalattico, quindi intavolarlo mettendo assieme giocatori che lo hanno già provato con dei novizi potrebbe portare a un certo sbilanciamento della partita. L'interazione è solo parziale e di fatto limitata alla scelta delle tessere, visto che tutti i giocatori attingono in contemporanea dallo stesso mucchio, ma la frenesia, specialmente quando si fa partire la clessidra, può portare a situazioni molto divertenti. La presenza della fortuna è evidente, sia nella pesca dei componenti, sia nella successione delle carte che scandiscono i viaggi, tuttavia non è fastidiosa. Le meccaniche di gioco non presentano tempi morti e consentono di recuperare anche a chi inizialmente dovesse rimanere indietro nel punteggio.
La durata indicata sulla scatola è veritiera e difficilmente supera l'ora. La scalabilità è forse l'unica nota dolente di questo titolo: infatti dà il meglio di sé con 4 giocatori e già in 3 non restituisce lo stesso livello di divertimento. In 2 invece perde decisamente di appeal, soprattutto nella prima fase del round, quella della costruzione della propria nave.
La longevità è buona, ma tra giocatori esperti le partite potrebbero ben presto diventare un po' ripetitive. Esistono però diverse espansioni: una in particolare "Galaxy Trucker: The Big Expansion" aggiunge il quinto giocatore e introduce una serie di variabili (le quali possono essere inserite anche solo in parte) che di fatto annullano questo possibile difetto e rendono le partite sempre diverse. Non credo sia mai stata localizzata in italiano, ma il testo è limitato al nome delle carte: per il resto ci sono solo simboli facilmente interpretabili.

CONSIDERAZIONI FINALI
Pur non rientrando nel filone dei capolavori, ritengo Galaxy Trucker un gioco must have, non fosse altro che per le originali meccaniche che lo contraddistinguono e perché può essere anche un ottimo introduttivo, a patto che tutti i giocatori partano ad armi pari. Poco adatto a chi ama avere sotto controllo tutti gli aspetti di un gioco e proprio non sopporta la presenza della fortuna, che comunque il più delle volte premia o punisce tutti i giocatori in ugual misura.
Ne esiste pure una trasposizione mobile (a pagamento), sia per dispositivi Android che iOS e che vanta in entrambe le versioni ottime recensioni, sebbene non sia presente la localizzazione in italiano.

Lo trovate anche nel negozio online Egyp.

-- Le immagini sono tratte da BGG, i vari diritti appartengono ai rispettivi proprietari. Le immagini e le regole sono state riprodotte pensando possano essere una gradita forma di promozione. Verranno rimosse immediatamente su semplice richiesta. --

0 commenti:

Posta un commento

Powered by Blogger.