Recensioni Minute

Recensioni Minute - Cubopolis

scritto da TeOoh!

Ai giocatori piacciono i cubi, si sa. Cubetti, dadi sono la base del concetto stesso di GdT. Se in un gioco ci sono cubi, è una buona cosa. Quindi, più cubi e più grossi è più buona cosa. 
Probabilmente non è così che è venuta l'idea agli autori di questo gioco, ma mi piace romanzarmela in questo modo!
Vi parlo di Cubopolis, per 2-4 giocatori, di Carmine Angrisani, Walter Nuccio, Sergio Roncucci, durata circa 20 minuti a partita. Edito dalla Giochi Uniti.


La minutissima è: nel proprio turno un giocatore dovrà piazzare 2 case (cubetti) su 2 strade (stecchetti) diverse e appoggiarci sopra una nuova strada. Se essa sporge da uno dei bordi del cubo più di qualsiasi altra strada, ne prende il relativo token (eventualmente rubandolo a un avversario). Stessa cosa se è quella che va più in alto di tutte. In caso di crolli, si restituiscono i token e si fanno i punti (tranne chi ha causato il crollo). A fine strade, si restituiscono i token e si sommano gli ultimi punti per decretare il vincitore.

Questo è uno di quei casi dove mi accorgo che la minutissima è praticamente uguale alla minuta e... alle regole stesse. Non c'è molto di più, se non un paio di casi di crollo di minore entità rispetto a quello citato, ma il gioco è questo.

A prima vista, quindi, potrebbe sembrare un tipico gioco di destrezza e, ok, lo è; ma qua non si può giocare in difesa come al solito. Non c'è la possibilità di aspettare che un altro sbagli. Perché semplicemente non si fanno punti per essere sopravvissuti. Bisogna rischiare. Bisogna sporgersi di quel millimetro in più dal bordo. Mettersi un po' più in diagonale per sbucare in alto. Ecco che arrivano i punti.
È un gioco quindi in cui c'è prima di tutto da ingegnarsi e poi avere un briciolo di manualità, ma diciamo che se la studiate bene, la mossa non è così da chirurgo.

L'idea di giocare direttamente sulla scatola e che essa abbia i bordi non piatti, ma con un bordino rende sicuramente un buon "effetto wow" e aggiunge un pizzico di pepe sin dalle prime mosse, dove non c'è già stabilità completa.

Devo trovarci qualcosa? Che per come sono ritirati e utilizzati i materiali, purtroppo risentono un po' dell'usura. Le strade sono degli stecchetti di legno dipinto, che vi aiuta nel piazzamento grazie al suo attrito (le strade non scivolano), ma appunto si può sbeccare durante i crolli o il trasporto del gioco stesso. Diciamo che, dal mio punto di vista, è meglio così che non della plastica resistente, ma molto scivolosa.

Vi auguro buona visione!



0 commenti:

Posta un commento

Powered by Blogger.