recensione

[Recensione] Scare It!

Scritto da Chrys.

Sono ancora un po' provato dalla fiera di Essen e dai relativi follow-up, quindi per oggi mi dedicherò ancora ad un titolo semplice da spiegare e da intavolare. ;)

Stiamo parlando di Scare It! (1-8 giocatori, 20 minuti) ideato da Adrian Dinu ed edito da Strawberry Studio, branca della NSKN dedita alla realizzazione di giochi compatti nelle dimensioni ma quasi sempre con una certa dose di originalità (in passato avevamo già recensito Pyramid of the Sun e 3 Wishes).

In questo caso siamo di fronte ad un gioco di carte dove vari animali si spaventeranno a vicenda in una catena di terrore (ok, detto così sembra una cosa brutta ma l'approccio del gioco è molto family e cuccioloso ^__^).
NELLA SCATOLA
Il formato è quello classico delle produzioni Strawberry Studio, ovvero una scatola piccolina come quelle Origami o The Game. Dentro troviamo un regolamento e 40 carte non telate: 8 carte obiettivo e 32 carte animale che presentano quattro diversi animali in quattro tonalità pastello.

Le bellissime illustrazioni sono state fatte da  Magdalena Markowska, già al suo nono titolo illustrato e autrice tra l'altro anche dei disegni per i due titoli Strawberry indicati sopra)... le carte mi piacciono moltissimo e presentano una splendida colorazione in stile acquarello.


COME SI GIOCA
Lasciamo le due modalità solitario temporaneamente da parte e vediamo le regole per 2-8 giocatori: ad inizio partita si mescolano le 32 carte animale e si crea una griglia di 8 colonne da 4 carte l'una, con le carte a faccia in su.

Ogni giocatore riceve anche due carte obiettivo: ci sono 4 carte obiettivo animale (elefante, cane, gatto, topo) e 4 carte obiettivo colore (blu, rosso, viola e giallo) ed ogni giocatore riceve segretamente un colore e un animale.

ECCEZIONE: se si sta giocando in 5-8 giocatori i due mazzetti vanno mescolati assieme, hanno appositamente lo stesso retro, e si assegna una sola carta obiettivo a ciascuno.

Durante il gioco, al proprio turno, si sceglie un animale che sia adiacente (ortogonalmente) ad un'altro che possa spaventare: l'animale spaventato scappa e viene rimosso dalla griglia, si decide quindi se lo "spaventatore" ne occupa o no il posto e poi si eliminano eventuali buchi nella griglia scorrendo le carte verso il basso.

Chi spaventa chi?
L'elefante spaventa il cane, che fa fuggire il gatto, che caccia il topo che a sua volta terrorizza l'elefante (che alla fiera dell'est mio padre comprò... scusate, non ho resistito). ^__^  In questo modo il cerchio si chiude.


Fine partita
La partita finisce non appena una colonna rimane vuota: a questo punto ciascuno rivela i propri due obiettivi (o il proprio obiettivo in 5+ giocatori). Ogni obiettivo ci da 1 punto per ogni carta ancora in tavola con un tratto in comune con esso; ad esempio se uno ha le carte cane e blu, farà un punto per ogni carta cane più un punto per ogni carta blu ancora in gioco a fine partita.


LE MODALITA' IN SOLITARIO
Il gioco permette di giocare anche da soli in diversi modalità.
Una di queste si gioca come nel multiplayer ma la partita prosegue anche in caso di colonne vuote (se succede si ricompatta orizzontalmente la griglia) e và avanti finchè non è più possibile spaventare alcun animale. Lo scopo è riuscire a rimanere con una singola carta; i più temerari potranno giocarlo anche in modalità difficile pescando una carta obiettivo la cui caratteristica dovrà essere rispettata dall'animale rimasto. In modalità estrema si pescano 2 obiettivi e l'animale dovrà rispettarli entrambi (razze e colore).

Nella seconda modalità in solitario è invece ai punti. Si pescano due obiettivi e si procede finchè non è più possibile spaventare: si fa un punto per ogni animale rimasto, più un punto extra per ogni carta che soddisfi una delle nostre carte obiettivo (razze e colore). Naturalmente lo scopo è fare meno punti possibile in una sfida contro noi stessi a migliorarci. ;)


CONSIDERAZIONI FINALI
Le regole sono semplicissime e si spiega in un attimo... sono stato attratto dalla grafica super cucciolosa ma questo giochino mi ha comunque convinto e pur senza essere nulla di sconvolgente a livello di meccaniche non si sovrappone ad altri titoli della mia collezione, cosa non da poco.

Pur nella linearità delle regole la partita comporta parecchia analisi (Quale animale spaventare? Occupare il suo posto con lo spaventatore? Accellero o rallento la fine?) perchè ogni mossa modifica lo schema di cosa può essere spaventato e accellera o rallenta la fine della partita. E il tutto va fatto tenendo in mente cosa cerchiamo di far rimanere in campo e magari anche capendo cos'anno gli altri o quantomeno bilanciando le eliminazioni per non avvantaggiare troppo nessuno.

Non fraintendetemi... resta comunque un gioco leggero ma è decisamente un ottimo filler che per la sua grafica può facilmente avvicinare anche i giocatori occasionali. ^__^

Quanto a scalabilità gira sempre abbastanza e la possibilità di giocare in 8 è un plus non da poco; lo consiglio comunque soprattutto fino a un massimo di 5-6 giocatori. In 7-8 gira egregiamente ed è un ottimo filler ma sapendo che ciascuno ha solo più una caratteristica, e che sono quasi tuitte in gioco, perde in tensione nella rivelazione finale e si fanno troppi pochi turni per avere la sensazione di aver effettivamente influito sul gioco in maniera rilevante.

Il titolo è completamente indipendente dalla lingua e, nonostante le apparenza, è anche amichevole verso i discromatici in quanto ad ogni colore (come in Ticket to Ride) corrisponde anche un diverso simbolo. ;)

In italia lo si trova solo d'importazione a un prezzo di circa 12 euro e come sempre vi segnalo che potete anche acquistarlo online su Egyp.it.


-- Le immagini riprodotte sono state fotografate da me o tratte dal sito della casa, da BoardGameGeek o dal manuale del gioco. All'editore o ai fotografi spettano tutti i diritti sul gioco e sulle immagini, le quali sono state riprodotte qui ritenendo la cosa una gradita forma di diffusione, ma saranno rimosse su semplice richiesta. --

0 commenti:

Posta un commento

Powered by Blogger.