[Raccolta e Assegna] Lucca Games 2019: The Hotness

scritto da F/\B!O P.


Questa rubrica di sondaggi era proprio partita con un post molto simile, sulla Play 2019. Come anticipato, oggi chiaramente la discussione verte invece sull'evento conclusosi giusto due giorni fa. Dalle riflessioni condivise da Pinco, LucaCiglione e cogo71 non sembra essere emerso un vero e proprio asso pigliatutto tra i titoli presenti nella tensostruttura Carducci, ma noi ci proviamo lo stesso a individuarne uno!
Come sempre non si ha la presunzione di stabilire verità assolute o premi insindacabili: semplicemente chi vorrà stare al gioco potrà divertirsi con noi ^_^


Oggi parliamo della lista hotness di questa Lucca Games 2019: il titolo più atteso dopo la guida alla fiera, più irraggiungibile per le code, più scontato o più costoso, dalle meccaniche più fresche, il più veloce ad arrivare da Essen... fate voi!
Il mio voto va a Michael, che era un'anteprima allo stand di ManCalamaro. Purtroppo non ho potuto partecipare all'evento, ma di tutto quello che ho letto nel super-post pre-fiera è la scatola che mi ha incuriosito di più per l'ambientazione (paziente con 24 personalità multiple) e meccaniche (cooperativo con una fortissima componente narrativa). Dicono sia un rompicapo mentale dall'alta rigiocabilità, grazie alla base matematica che lo sostiene (Iaia, forse c'è roba per te qui) e al setup casuale. Vestire i panni di uno psichiatra, gestire lo stress del paziente e al contempo cercare di ottenere da lui risposte utili oppure oggetti, il tempo agli sgoccioli, alcune personalità decise a non farsi soppiantare... ma la storia? Si esaurirà in poche partite? Ecco, di tutti i titoli, questo avrei fatto la coda per provarlo.

E voialtri? Qual è stato il vostro gioco hot di questa Lucca Games 2019? Le regole sono le seguenti:
  • niente lunghissimi listoni in abete (eh ma sono pari merito, non fatemi scegliere dai, non riesco a non scrivere questi... nonono);
  • una scelta a testa ("una" nel senso di 1);
  • niente commenti anonimi (metteteci 'sto nome e firmatevi in qualche modo);
  • date un minimo di spiegazione (è la vostra ragione, per cui andrà sempre bene, non preoccupatevi);
  • non si discutono le scelte altrui (c'è chi si eccita coi cubetti delle risorse, chi coi dadi da tirare... sono sempre esaedri).
A chi non rispetta le regole gli cala l'hype!
La raccolta dei voti (ciascuna preferenza vale 1 punto) che assegnerà il titolo di vincitore verrà fatta in base a quelli pervenuti entro domenica 10 novembre alle 23:59.
Chi non partecipa non parteciperà neanche a Lucca Games 2020!

EDIT: qui i risultati.

20 commenti:

  1. Non sono riuscito a provarlo ma per me il titolone era /è Star Wars Orlo Esterno perchè sono alla ricerca del primo titolo di Star Wars da comprare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che a breve White Winston ti potrà aiutare in merito...

      Elimina
    2. Speriamo io l'ho acquistato e mi pare bello :)

      Elimina
  2. Il mio titolo hot : King’s Dilemma. Ho avuto modo di provare la demo con amici perplessi (negoziazione tra consiglieri ??? No grazie) e invece ci siamo alzati del tavolo divertiti contenti e stupiti per il senso di nuovo e fresco. I bivi che si sommano, il re che muore, gli obiettivi contrapposti, le casate... Quanto bel materiale Legacy! Lorenzo Silva colpisce ancora. Non vedo l’ora di finirlo !

    RispondiElimina
  3. Glen More II: Chronicles. Al di là del titolo altisonante, è molto di più di una reimplementazione, per di più con materiali di lusso; peccato per il prezzo anch'esso da boutique ludica.

    RispondiElimina
  4. Basandomi ovviamente solo su quello che ho provato causa tempo limitato il mio hot di Lucca è stato sicuramente Hadara. Avevo grandi aspettative e non sono state deluse. Gioco semplice da spiegare e scorrevolissimo. Bisognerà solo approfondirne la longevità.

    RispondiElimina
  5. D.E.I. per me era il titolo più hot per la curiosità (ma non sono riuscito a provarlo)... ma quello che mi ha soddisfatto di più dopo la prova è stato sicuramente Glen More II. Riedizione pazzesca con materiali da gioielleria e tante meccaniche aggiuntive che lo arricchiscono.

    RispondiElimina
  6. Mi ero completamente persa Michael!! Ero tentata di votare anche io Orlo Esterno perché devo ponderare bene gli acquisti "pesanti" di Star Wars (soprattutto devo ancora decidere tra quello e Rebellion). Però, confidando in White Winston, voto Michael, perché mi incuriosisce sia la tematica sia il fatto che sia un cooperativo un po' diverso dal solito.

    RispondiElimina
  7. Dei pochi provati Michael e Hadara, titoli assolutamente diversi ma degni di assoluta nota.

    RispondiElimina
  8. Io avrei voluto provare L'isola dei vulcani. L'anteprima di Chris mi aveva incuriosita molto, mi pare che abbia un buon livello di sfida e una buona profondità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giocato ad Essen. Fortemente interattivo (fai sperdere nel mare pezzi di isola sui quali la gente ha costruito faticosamente statue e villaggi ...). Materiali interessanti. Sicuramente non da proporre con gente che si offende se gli fai qualcosa di male ... ;)

      Elimina
  9. Ma vogliamo parlare delle delusioni? Undo dov'è il gioco? Western Legend noia e monotonia già nella partita demo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Può essere lo spunto per il prossimo 'Raccolta e Assegna' ;)

      Elimina
    2. Ti rispondo solo per western legends, perche' lo avevo provato ad essen 2018. Eravamo in tre: io sapevo gia' dal momento che mi ero seduto che non era il mio genere, il secondo giocatore non e' rimasto colpito, mentre il terzo se lo e' segnato per l'acquisto in italiano e sono giorni che sbava per ordinarlo. Il quarto, un tedesco, ne era rimasto a sua volta contento. Ho idea che il gradimento sia per il gioco fortemente legato ai gusti personali ... ;)

      Elimina
    3. Prendo nota dello spunto ^_^

      Elimina
  10. Do il mio voto a Michael per l'ambientazione. Gli autori e gli editori devono incominciare a capire che vogliamo giochi con ambientazioni originali, diverse dal solito. Possibilmente non rinunciando a un bel gameplay, anzi. Quello dovrebbe rimanere. In tal senso Michael sta avendo opinioni altalenanti (ma ormai qualsiasi gioco, anche di estremo successo, incassa lodi e critiche).
    Elijah

    P.S.: è da una vita che lo penso, ora lo dico: cambiate layout al sito/blog. Così è bruttino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elijah, sono molto interessato al tuo accenno al layout: potresti lasciarci un commento più esausitvo (problemi/mancanze) in coda a questo post linkato qui? Grazie!

      Elimina
  11. Il mio titolo hot è stato "Marco Polo II: Im Auftrag des Khan". La domanda a cui cercavo risposta era questa... "ma era proprio necessario far uscire un secondo Marco Polo?"
    Questo apprezzatissimo ed intramontabile gioco poteva avere margini di miglioramento? Si poteva riuscire a farne una nuova versione che avrebbe attirato vecchi appassionati e nuovi giocatori?
    C'è da dire che La coppia Luciani Tascini è proprio riuscita in questo intento.
    In questa nuova versione si ritrova tutto quello che c'era nella prima (le meccaniche di piazzamento dadi, i contratti da risolvere) ma con alcune modifiche piuttosto importanti. Quella che salta più all'occhio subito è l'aspetto degli spostamenti sulla mappa. Prima era costosissimo viaggiare, e si poteva benissimo anche trascurare questo aspetto. Adesso invece diventa cruciale, in quanto solo attraverso la visita sulle varie località è possibile prendere nuovi contratti. Anche il costo dell'azione viaggiare è adesso molto più abbordabile. Quello che cambia di contro è il costo delle varie tratte.ì, e la presenza di tratte riservate agli affiliati a determinate gilde. Il gioco è ancora una volta estremamente piacevole.
    Un possessore del vecchio gioco sarà senz'altro contento di comprare anche questo nuovo. E chi si avvicina adesso a Marco Polo troverà un gioco meno punitivo del precedente. Facendo un paragone un po' tirato, è come esser davanti alle due versioni di Brass... Lancashire (il classico) e Birmingham (quello nuovo). Pur condividendo piuttosto strettamente la maggior parte delle meccaniche di gioco le due versioni risultano sufficientemente diverse da giustificare il possesso di entrambe. Così è anche per i due giochi di Marco Polo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Curioso comunque come per anni Marco Polo è stato additato da molti (me compreso) come un gioco splendido ma non del tutto bilanciato (contratti vs viaggi - poteri asimmetrici più forti di altri) e molti giocatori nonché l'autore stesso sul forum della Tana lo hanno sempre difeso sostenendone il suo bilanciamento. A distanza di 4 anni esce la sua versione rivista e corretta e, guarda un po', i viaggi sono stati potenziati (e magari, spero, anche ribilanciati poteri variabili)... :/

      Elimina

Powered by Blogger.