martedì 4 luglio 2017

Arriva IO GIOCO... e i boardgame conquistano l'edicola!!!

scritto da Chrys

Sono veramente felice, anzi entusiasta, di potervi finalmente dare la notizia di questa rivista... so della sua uscita già da un quindicina di giorni, ma era una di quelle informazioni assolutamente secretate e non divulgabili, di quelle che noi del settore anche solo a farcele venire in mente ci appaiono i pallini luminosi dei cecchini sul petto. ;)

E visto che sarebbe imperdonabile giustiziarmi sul portone [cit.] proprio a ridosso di questo evento epocale, ho dovuto aspettare che ne venisse fatto l'annuncio ufficiale. La cosa è avvenuta una manciata di giorni fa, proprio il giorno della nostra Convention (ps: grazie a tutti i partecipanti... è stato un evento fantastico!) e quindi eccomi qui ora. ^^

Per chi non sapesse di cosa parlo... tra pochissimi giorni (8 luglio) arriverà nelle edicole una rivista dedicata esclusivamente al gioco da tavolo a tiratura nazionale. Si chiamerà IO GIOCO. ^__^


La cosa davvero interessante è che il progetto è portato nelle edicole dall'editore di The Games Machine (questo numero 0 si presenterà infatti come uno "speciale" della storica rivista). 
The Games Machine (TGM), che già da tempo ha una rubrica di una paginetta dedicata ai boardgames, è la più storica e longeva rivista di videogiochi in Italia, che continua a uscire stabile e regolare ogni mese dai tempi dei videogiochi a 16bit (il primo numero uscì nel 1988). O__O

Questo significa:
  1. la sicurezza di una cassa di risonanza eccezionale, se non unica, data la diffusione e notorietà della rivista madre;
  2. la stabilità e la forza, sia economica che di competenze, data da decenni di esperienza nel settore, considerando anche che boardgames e videogiochi hanno molti punti in comune.
Non è quindi un caso che la rivista IO GIOCO riesca a partire già nelle edicole, con una presenza a tappeto a livello nazionale, invece che nei soli circuiti specializzati.


IL PRIMO NUMERO
Questo numero zero presenterà 80 pagine a colori ricche di novità, anteprime, recensioni, approfondimenti, dossier, espansioni e contenuti inediti esclusivi appositamente realizzati; i contenuti sono scritti da esperti e amanti del settore (quindi scordatevi certi articoli vaghi di "giornalisti" che ogni tanto fanno capolino sulla stampa classica).

Tra le pagine di questo primo numero speciale troverete
  • l’intervista al finalista del Kinderspiel des Jahres Carlo A. Rossi;
  • un dossier sul fenomeno del momento, le Escape Room;
  • una guida a Kickstarter;
  • le opinioni di Sgananzium, TeOoh! e Dado Critico;
  • la carta prequel di Deckscape;
  • un’avventura inedita de L’ultima Torcia;
  • una variante per Guilds;
  • Pimp my Game;
  • molto, molto altro.
Se volete saperne di più, il sommario completo dei contenuti di Io Gioco è disponibile sul sito ufficiale www.iogioco.it 

E I NUMERI DOPO?
Questo primo numero è uno speciale, ma l'editore sta ragionando in termini di periodicità, verificando il risultato del primo numero per dimensionare meglio il progetto. Quindi per come la vedo io, si può dire che la cosa dipenda da noi...

UN POCHETTO DI MIO
Ho avuto l'onore di partecipare in piccola parte a questo primo numero creando una variante di Guilds a squadre con tanto di plancia speciale in esclusiva per i lettori di IO GIOCO. È stata un'esperienza fantastica che mi ha permesso di saggiare la loro professionalità e non vedo l'ora di sapere cosa ne pensate.

QUANDO E DOVE
A partire dall’8 luglio 2017 la rivista arriverà alle edicole in versione cartacea a 4,90 euro, su App Store Apple in versione digitale e anche distribuita nei negozi specializzati. E se vivete in un qualche posto sperduto o siete pigri, è anche possibile farsela arrivare a casa con circa 1 euro in più (clicca qui) o acquistarla nei negozi specializzati, fisici o virtuali (la trovate anche su Egyp.it).

IMPORTANTE: per come funziona la distribuzione a livello nazionale nelle edicole, le riviste non si propagano tutti, in base ai tempi dei distributori locali, distanze dal magazzino di partenza e "perifericità dei paesi", quindi in alcune città sarà già nelle edicole sabato 8, in altre dovrebbe arrivare pochi giorni dopo: per venerdì 14 dovrebbe essere più o meno ovunque. 

MA VALE LA PENA COMPRARE UNA RIVISTA CARTACEA OGGI?
Senza nulla togliere alle riviste online (tipo quella bellissima che state leggendo ora... ammicc, ammicc) il cartaceo ha una capacità di diffusione maggiore, soprattutto perché la sensazione è quella che la rivista fisica, nelle edicole, con un editore, abbia più ufficialità. E in un  certo senso è vero, perché implica che parli di qualcosa che valga il costo di un tiratura nazionale... pochi anni fa una cosa del genere sarebbe stata un flop, ma il gioco da tavolo è cresciuto moltissimo. Inoltre essere nelle edicole significa essere raggiungibile anche da tantissimi che non conoscono ancora il GdT moderno. *__*

Ho anche avuto modo di sbirciare l'impaginazione interna e devo dire che è davvero bella, professionale e fresca. I contenuti sono di altissimo livello e le persone che ci sono dietro, posso assicurarvelo, si sono sbattuti all'inverosimile e fino ad orari improbi, per ottenere il risultato finale che potrete vedere nelle edicole sabato. Senza contare il contributo di TeOoh!, Dado e Sganazium.

Quindi il mio personale consiglio è... prendetevene una copia, parlatene agli amici, suggeritelo, regalatelo ai colleghi che non giocano, mettetelo in sala d'attesa se siete un medico, parlatene su FB... perché una rivista di questo tipo nelle edicole può essere veramente il punto di svolta per la visibilità del nostro hobby in Italia. ^__^

...e poi tornate su questo articolo a raccontarmi cosa ne pensate! :D

43 commenti:

  1. L'idea dei gadget allegati farà la differenza

    RispondiElimina
  2. Ci aspettiamo una recensione su queste pagine XP
    Giak81

    RispondiElimina
  3. Per come la vedo io, che sicuramente comprerò la rivista le cose stanno così:
    - chi non ha mai giocato a un gdt perchè dovrebbe comprarla? Per leggere la recensione di Terraforming Mars o di Warstones?
    - chi è un gamer perche' dovrebbe comprarla: spendere 5 € per trovare la stessa recensione di Terraforming Mars che trova gratuitamente su una delle 18 riviste on line elencate qui a fianco?
    Senza contare la periodicità che la tiene arretrata rispetto alle varie riviste on line.
    Quello che voglio dire è che così come appare impostata sembra un prodotto confezionato per gamers belli pronti e formati mentre personalmente avrei ben visto un numero 0 esclusivamente dedicato a chi non ha idea (o ce l'ha molto vaga) su cosa siano i giochi da tavolo.
    Una persona mentre uscivo dalla CON stampellando mi aiutava a fare le scale e mi ha chiesto "ma che giochi erano quelli che facevate la dentro?" Ecco forse una rivista dedicata per la metà delle pagine a questo tipo di lettore aiutandolo a entrare con gradualità nel nostro mondo sarebbe forse stata piu' utile allo scopo...
    Conosco molto bene GDT fino a qualche anno fa la compravo regolarmente (ne avevo piu' di un centinaio) per tenermi aggiornato sui videogames. Ho smesso di comprarla quando sono usciti tutti i bellissimi siti di recensioni on line.
    Sergio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusate Ho scritto GDT per deformazionale professionale: volevo dire TGM

      Elimina
    2. La rivista si pone in posizione intermedia... sopra ho elencato alcuni articoli che potrebbero interessare ai MIEI lettori, ma ce ne sono molti molti altri: ad esempio un ampio Dossier titolato "Classici moderni: i titoli che hanno ridefinito il genere boardgame" che è chiaramente rivolto al neofita che pensa che il GdT sia rimasto a Risiko. Ma anche altri articoli. Inoltre non è facendo una rivista che parla solo di Dixit e Taboo che catturi i non giocatori, proprio perchè devi mostrare loro cosa è diventato questo hobby, e puoi farlo solo mostrando loro le novità.

      Al contrario se facesse solo articoli su grandi classici o giochi super family tipo Dixit, perderebbe tutti i gamer italiani che si chiederebbero perchè comprare una rivista che non ha nulla da dirgli. Qui oltre a recensioni su novità (che trovi online, vero) trovi esclusive, varianti, interviste e molti altri contenuti che NON avresti online.

      Infine questa rivista non venderà tanto alla casalinga ma a un'enorme fetta di lettori di TGM (già un po' infarinati sull'argomento per la rubrica Boardgame Machine che contiene) e ne raggiungerà altri grazie al marchio TGM. Ricordiamoci che se anche molti giocatori di boardgame giocano ai videogiochi la popolazione di videogiocatori supera quella di noi giocatori da tavolo con un rapporto di 500:1, quindi c'è un bacino enorme a cui attingere. ^__^

      In aggiunta c'è la visibilità che da all'hobby una rivista in ogni edicola, soprattuto in estate. I siti, anche quelli che fanno 130.000 letture di articoli al mese come il nostro, sono comunque un grosso fenomeno di onanismo, nel senso che chi ci arriva è al 99% gente che è GIA' appassionata di boardgames. XD

      PS: Certamente il cartaceo ha perso molto negli ultimi 10 anni ma nonostante i mille siti online, riviste come TGM, PSN e simili continuano a uscire e a vendere bene.

      Elimina
    3. Anche io non sono sicuro dell'acquisto, ormai si trova tutto gratis online grazie a gente che ha passione e apre blog, forum, ecc.

      L'unico modo che secondo me può portare all'acquisto della rivista è inserire mini espansioni inedite, carte e gadget ad ogni numero almeno così da attirare utenti già avviati a questa passione dei giochi da tavolo.

      Elimina
    4. Caro Chris mi chiedo una cosa: quanta gente spenderà 5 € per avere l'intervista esclusiva a un determinato Autore che non c'è on line? Deve essere un appassionato formidabile dei giochi da tavolo.
      Certo qualcuno ci sarà, ma guardando il mercato stesso (ad esempio i mercatini di fb dove in tanti non hanno entrate economiche per la giovane età e quindi sono giustamente attenti alle spese ) mi sembra di capire che alla fine dopo un po di tempo e qualche numero acquistato qcno inizierà a chiedersi se non sia il caso di risparmiare i 5 € per comprarsi anzi un gioco a fine mese.
      Staremo poi a vedere poi come reagirà l'enorme fetta di videogiocatori (che se provasse attrazione al gioco da tavolo avrebbe gia' potuto informarsi quanto voleva) o l'attrazione esercitata dal fatto di vedere il titolo in edicola (sono anni che non guardo piu' le offerte di riviste in edicola oramai)
      Per carità il fascino e la nobiltà della carta stampata rimarrà sempre ma il sapore rimane quello di una cosa superata e non al sincrono coi tempi e come tale destinata ad essere fagocitata dai tempi.

      Elimina
    5. Mi permetto di sollevare alcuni argomenti, perchè spesso c'è l'abitudine di propagare le proprie idee/abitudini come regole di massima:

      1) Secondo questo ragionamento non dovrebbero esistere riviste cartacee di videogiochi (dei quali non solo trovi tutto online, ma online puoi persino vedere i trailer) e invece in realtà ci sono. Dovrebbero essere andate tutte fallite e invece se vai in edicola ne trovi molte che esistono da anni o decenni. Come te lo spieghi? Stesso discorso per tantissime altre riviste che puoi trovare (modellismo, animali, cinema. ecc.)

      2) Esistono riviste recenti come Retrogame Magazine... è nata 1 anno fa (in forma simile a questa), ha avuto un grande successo, costa 9,90 euro ed esce tuttora. Anche qui, come te lo spieghi?

      3) l'idea che se la gente (videogiocatori o altro) se voleva poteva già informarsi online parte dal principio che lo sappia... e visto che siamo una nicchia chiusa questo facilmente non avviene (anche in virtù del fatto che ogni volta che qualche personaggio pubblico dice "io gioco" invece di gioire gran parte dei boardgamer hardcore si incazzano che "non è un vero gamer"). Come si smette di essere una nicchia? Quando la comunicazione attiva (rivista in edicola, gioco alla feltrinelli, pubblicità in tv, scatola nel supermercato) si aggiunge a quella passiva (se cerchi "recensione terraforming mars" su google mi trovi).

      4) La presenza nelle edicole serve a dare normalità a un qualcosa visto come da sfigati. Non hai idea di quanto il mondo del fumetto sia diventato mainstream da quando le catene come Mondadori e Feltrinelli hanno iniziato ad avere isole dedicate a Graphic Novel e fumetti, rispetto a quando prima esisteva solo la fumetteria specializzata.

      5) I siti online di informazione sono quasi tutti "amatoriali" e a bilancio zero (se va bene). E' molto diverso da avere persone che per lavoro si occupano di un argomento (che sia il GdT, il Videogioco, il cinema o la fotografia) invece di farlo nel tempo libero. Senza contare il budget differente.

      ...

      Ovviamente ci sarà chi gioca ma non lo comprerà.
      Io spero lo compri e lo pubblicizzi più gente possibile perchè più durerà la rivista nelle edicole, posta a fianco di riviste di gaming videoludico, più facilmente arriverà all'occhio di persone nuove. E il nostro hobby HA BISOGNO di uscire dalla nicchia in cui è. Ci è riuscita la Francia, possiamo farcela anche noi. ^__^

      Elimina
    6. PS: A leggere che gli appassionati di boardgame sono attenti alle spese mi è scappata una risata (la maggior parte li vedo spendere il prodotto interno lordo dello Zimbabwe in giochi). Una rivista costa quanto 2 pacchetti di bustine proteggi carte (o il costo di un DLC, o di 2 gelati): una spesa sostenibile ogni 1-2 mesi, se quello che leggi ti piace. ;)

      Elimina
    7. Dimenticavo...

      6) In germania abbiamo Spielbox, rivista cartacea e bimestrale, al modico costo di 7,50€ che viene letta e vende bena da 36 anni (!!!) e resta in Germania uno strumento di informazione e approfondimento seguitissimo, nonostante internet, siti, BGG e quant'altro. ;)

      Elimina
    8. Ciao Christian, ho scritto anche sotto, ma rispondo anche qui perchè se hai collaborato con la rivista magari puoi suggerire la cosa. Secondo me avrà un valore aggiunto se proporrà , come ha gia detto Pask sopra, gadget, materiale aggiuntivo ma soprattutto poster o materiale per chi già gioca. Insieme ad una buona collaborazione con gli editori e le varie case, potrebbero esserci articoli e interviste molto interessanti. Parallelamente sarebbe bello avere delle commistioni con cosplay e fumetti. io ho tutti i miei amici appassionati di fumetti ma sono l'unico ad amare i boardgames, piu impegnativi come logica e come tempo. Secondo me bisognerà tenere conto anche di quello per uscire dalla nicchia. E la versione digitale farla pagare meno. Cosi uno può scegliere se risparmiare ed avere un po meno o spendere e avere piu cose. Questa la mia idea. Ciao e grazie per l'articolo

      Elimina
    9. Mi accomuno a tutti i 6 punti esposti da Christian, solo la nicchia della nicchia usa internet, anche per una questione di semplice pigrizia.
      Lo strumento può solo che funzionare come veicolo pubblicitario, ma temo, ahimè, che proprio per tutto quello esposto dai più dubbiosi, non durerà abbastanza. Gli italiani non spendono più per certe cose.
      I giocatori assidui non troveranno nulla che valga la pena in più di quello che da già internet, i novizi preferiranno spendere diversamente i soldi.
      Spero però di sbagliarmi ed auguro ogni bene al progetto.
      Io personalmente quest'anno non ho rinnovato l'abbonamento a Spielbox... non lo leggevo mai, solo una sfogliatina quando arrivava, ritenevo le news già troppo sorpassate da sforzarmi con l'inglese.
      My2cents
      Mirco

      Elimina
    10. non so se alla fine una rivista che si trova pure con fatica nelle edicole coinvolgerà più giocatori potenziali che i tanti blog benfatti che abbiamo già su internet. io l'ho presa per "fede nella causa", trovandoci cose molto buone (news-approfondimenti-rubriche) e altre ahimè che ho fatto fatica a leggere. credo che il problema siano le recensioni. le ho trovate molto meno tecniche e leggibili di quelle online, sbrigative, inevitabilmente in ritardo rispetto alla rete e tutte con voti altissimi poco argomentati (praticamente tutti i giochi surclassano nei voti Terraforming Mars... pure Ice Cool, va beh). forse l'idea di farle per coinvolgere i neofiti le ha un po' impoverite. le trovo anche scritte male, perdonate la franchezza. secondo me qui serve davvero un'altra impostazione.
      infine le promo. la mia impressione è che basterebbe una pagina interna in cartoncino come la copertina con alcune carte/varianti/schemi ritagliabili.
      insomma, un progetto interessante, utile ma che a mio parere può e deve crescere molto rispetto a questo numero zero

      Elimina
  4. Anacronistica e fuori synch con la velocita' delle novita' e delle news, poco interattiva, occupa spazio in casa e costa quando si trova tutto gia' free online: per gli amanti del cartaceo o per quelli che devono leggere qualcosa quando sono seduti sul trono di ceramica

    RispondiElimina
  5. prenderò il primo numero per curiosità, poi vedremo cmq è un'ottima notizia

    RispondiElimina
  6. Io ho detto il mio pensiero e basta. Non ho scritto che e' un errore o che non vendera' ci mancherebbe! Rispetto massimo agli autori e agli editori come anche a una voce un po fuori dal coro.....

    RispondiElimina
  7. Sarò vecchio dentro ma non capisco tutto questo astio verso questo progetto.
    Per me è una bella scommessa... ho grosse aspettative che sia un buon strumento di divulgazione. Credo ad esempio che "magicamente" ne spunterà una copia in oratorio. Sai mai che qualche mamma la prenda in mano.
    Ecco... Forse non avrei cominciato con un orco e uno scheletro in copertina... Ma magari farà presa sui pargoli :P

    RispondiElimina
  8. auguro tanta fortuna al progetto ma secondo me l'unica strada per una rivista del genere per sopravvivere è allegare le famose mini espansioni; come del resto fa spielbox.

    RispondiElimina
  9. Non condivido i dubbi sulla rivista in formato cartaceo. Pensiamo all esempio della mitica rivista SPIELBOX che vieni ormai pubblicata da anni sia in tedesco che in inglese, disponibile per essere inviata tramite posta e punto di riferimento per tutti i boardgamer. Per cui benvenuta IOGIOCO. Speriamo si imponga come una nuova realtà anche sul nostro territorio.

    RispondiElimina
  10. Io sono favorevole a questo progetto, ma ho smesso di prendere TGM e GMC anni fa perchè stavo occupando la casa di riviste senza poi rileggerle. Ammetto che per ben due volte sono andato in cantina e riguardandole mi è venuta una lacrimuccia nel vedere giochi del passato che ho davvero apprezzato e che ora sembrano preistorici. Come vedere la storia delle schede video o dei cellulari. Effetto nostalgia. Ma se penso a tutti i soldi che ci ho speso mi viene male perchè ora sono solo li a prendere polvere. TGM non l'ho piu preso soprattutto per il prezzo. 5 euro per una manciata di pagine per me erano troppo. Nel giro di pochi anni si sono letteralmente dimezzate. Per questo avrei preferito un prezzo lancio un po piu contenuto per questa rivista. Questo a parte, penso che IOGIOCO possa avere molto piu successo per un semplice motivo: i boardgame non invecchiano mai. Un gioco del 2000 può essere forse graficamente o nei materiali meno recente, ma è giocabilissimo anche oggi. In più la rivista puo affrontare temi come le classifiche , come si crea un boardgame, interviste agli autori ecc ecc. Sicuramente se ci sarà collaborazione anche con gli editori magari inserendo contenuti bonus (carte extra per un gioco, immagini a poster ecc) penso che possa meritare molto. Spero proprio non facciano la solita rivista da 20 pagine però.

    RispondiElimina
  11. Ottima notizia lo comprero' sicuramente, il fascino del cartaceo per me e' unico. Purtroppo condivido alcuni dubbi ,come suggerito da alcuni puo' essere un incentivo inserire mini espansioni o giochi print e play di carte (e non :-) ) scaglionate nelle varie uscite.
    Complimenti comunque per la coraggiosa iniziativa , un grosso in bocca al lupo

    RispondiElimina
  12. Dopo aver seguito, come lettore, le avventure di PerGioco, Giochi Magazine e GiocareA, auguro a questa nuova avventura editoriale sorte migliore.
    Agli interessanti suggerimenti già proposti mi permetto di aggiungere il mio:
    articoli con un commento tecnico a partite svoltesi in occasioni di eventi ufficiali, come si trovava su PerGioco; è vero che ILSA contiene analisi tecniche e sul blog di DadoCritico si trovano resoconti di partite con accenni di tattiche e strategie, ma qualcosa di strutturato sarebbe, almeno per me, molto interessante.

    RispondiElimina
  13. La parte "piccoli" e non solo è essenziale, mi raccomando.
    Una bella dipendenza già in età infantile e il GIOCO è fatto.
    Mi permetto di suggerire anche qualche articolo su: educazione al gioco, gioco e carattere, la metafisica della sconfitta e genitori che giocano con i bambini: cosa fare/dire e cosa no.

    RispondiElimina
  14. Io sono contento di essere parte della redazione di ioGioco e ho partecipato volentieri perché credo la rivista sarà un buon punto di partenza.

    Agzaroth

    RispondiElimina
  15. Grande iniziativa, non vedo l'ora, acquisto sicuro. Concordo con chi dice che una rivista cartacea sia importante in un paese in cui il nostro hobby è in crescita. Vedo che all'estero (Spielbox in Germania, Plato in Francia), queste iniziative funzionano. Io personalmente sono abbonato a Spielbox e non vedo l'ora che mi arrivi il nuovo numero... è vero che online si trova tanto, ma per me che adoro "sfogliare" e se possibile "approfondire", è un'iniziativa importante ed impagabile, cui auguro grande fortuna!

    RispondiElimina
  16. mi associo, anche se in ritardo rispetto a quando ho scoperto di questa nuova avventura ...
    il fascino del cartaceo ha lo stesso fascino del gioco da tavolo: toccare con mano, non limitarsi a vedere il tutto su uno schermo (e si, io gioco anche a qualche wargame su pc)
    sicuramente ci vuole qualcosa per invogliare tutti i potenziali compratori:
    - espansioni o minigiochi per chi già gioca
    - interviste a autori e editori
    - guide del tipo "dall'idea al giogo finito", etc ..
    - un angolo (e forse anche più di un angolo) per bimbi e genitori
    - indirizzi utili (associazioni, negozi, ecc..)
    mille altre idee ...ma dopo riempio il blog!
    concludo dicendo che sabato andrò all'alba a cercare la mia copia dall'edicolante :-)
    ciao,
    Marco

    RispondiElimina
  17. Io spero solo che non si arrivi al momento in cui redattori facciano recensioni "pilotate" perché amici di, conoscenti di, fratelli di ...

    Per il resto, acquisto sicuro, anche per un discorso di novità ...

    Per quanto riguarda le recensioni online ... finché non uscirà un italiano al livello di Bardic Broadcasts neanche le considero ...

    RispondiElimina
  18. sì, ma 'sta *penis* di rivista è tipo introvabile. sono alla nona edicola in due giorni.

    RispondiElimina
  19. Confermo la difficoltà nel trovare una copia nelle edicole, sono in vacanza a Caorle, ma nessuno sa dirmi se arriverà, anzi tutti mi chiedono di che si tratta perché non ne hanno sentito parlare. Non vorrei che noi giocatori ne discutessimo tanto sui pro e contro, ma gli addetti alla distribuzione ignorassero il prodotto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confermo, non trovato a Spotorno (nelle due edicole) non sanno di cosa si parla e non trovato nel mio piccolo paesino in provincia di Torino, dove ugualmente non sapeva nulla della pubblicazione

      Elimina
  20. il mio edicolante ha detto che non è ancora stato consegnato
    Donato

    RispondiElimina
  21. Trovato ieri a Milano, in varie edicole delle stazioni della metropolitana.
    Letto tutto d'un fiato: non male per essere un numero 0, un paio di articoli molto interessanti (quello sulle ER in primis)
    spero in futuro ci siano articoli più tecnici, e che i contenuti esclusivi (carte promo, etc..) siano in formato tipo "staccabile": magari in ultima pagina con il segno tratteggiato di dove tagliare, cosi si possono usare senza rovinare la rivista ... (se fosse poi stile riviste della GMT sarebbe il massimo ma mi sa che il costo salirebbe troppo)
    ciao,
    Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in effetti non ho capito a cosa serva un'unica carta promo da scannerizzare e poi stampare... così non è certo un valore aggiunto

      Elimina
  22. Felicissimo per l'iniziativa, spero che abbia successo!

    RispondiElimina
  23. Buongiorno,
    ma questa rivista la pubblicano solo a Milano o a Roma? Qua da me ad Ascoli e provincia, ancora non se ne vede traccia. A me, la maggior parte degli edicolanti, hanno detto che non ero il primo a chiedere informazioni in merito all'uscita ( difatti in molti hanno anticipato la mia richiesta ).
    E a quanto pare anche a Parma, Treviglio e Trieste ( causa nascita, università e traslochi vari ho amici in mezza Italia ) ancora nessuno dei miei amici l'ha trovata.

    Se riuscite a sapere qualcosa fateci sapere.
    Grazie.
    Ps.
    Se qualcuno delle zone da me citate l'ha trovata mi faccia sapere, in caso anche l'edicola dove l'ha trovata, che avverto subito gli interessati e ci fiondiamo a comprarla!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Trovata a Torino ieri, dove era stata appena consegnata. Ora dopo la lettura potrò esprimere il mio parere su iniziativa e rivista.

      Elimina
    2. Finalmente è arrivata (almeno ad Ascoli :-) )
      Sicuramente da amante del cartaceo non sono una buona cartina tornasole, tutt'altro, comunque come numero zero mi ha pienamente soddisfatto e spero che questa beta si trasformi in una rivista a tutti gli effetti.

      Stefano

      Elimina
  24. La distribuzione è stata un po' lenta, complice anche l'inizio di sabato, il fatto di essere a luglio e la partenza da un punto non centrale dell'italia. A questo punto dovrebbe essere arrivata nelle edicole di tutta Italia, o almeno nella gran parte della penisola. Fateci sapere cosa ne pensate. ^__^

    RispondiElimina
  25. Dopo averla letta tutta, penso che non comprerò i numeri successivi.
    Alcuni articoli interessanti, ma recensioni poco dettagliate con grande enfasi sulla componentistica, che indice pesantemente anche sulla valutazione finale(essendo una media matematica). Es. Terraforming Mars e Guilds.
    Luca

    RispondiElimina
  26. acquistata, a meno che i prossimi numeri non includano gadget e/o espansioni come per la rivista tedesca non credo l'acquisterò nuovamente.. mi spiace

    RispondiElimina
  27. Print&Play o Gadget/Carte/Tessere/Meeple altrimenti non decolla

    RispondiElimina
  28. Per trovarlo a Bari ho dovuto fare i salti mortali...
    Se devo essere sincero, devo ammettere che non mi ha entusiasmato più di tanto. Dovrebbe avere una marcia in più. Oltre a qualche utile od esclusivo gadget dovrebbe andare oltre le piccole recensioni o i voti. Dovrebbe dare qualcosa in più (chiarimenti sui regolamenti, più foto, consigli utili su come gestire una partita ecc.).
    Concordo con Luca, comunque una seconda opportunità voglio concederla...
    Tenete presente che ho tutti i numeri di Gichi Magazine e che credo sia stato uno tra i migliori mensili di giochi usciti. Credo non sia stato più pubblicato per ragioni che forse conoscono solo i Servizi Segreti di allora (c'è un articolo sulla prigionia di Aldo Moro e sui suoi messaggi cifrati nelle sue lettere, che fa paura...).
    Rimboccatevi le maniche e datevi da fare. Servono nuove idee, non le stesse idee fritte nella pastella.
    In bocca al lupo a tutti.
    L'anziano

    RispondiElimina