sabato 29 luglio 2017

Recensioni Minute - Guilds

scritto da TeOoh!

Anche stavolta, avendo sufficiente confidenza con l'Autore del gioco che sarei andato a recensire, ho deciso che poteva essere più interessante metterlo insieme a me di fronte alla telecamera per approfondire un po' di più i vari aspetti del design.
Il gioco di cui vi parleremo è Guilds, per 2-4 giocatori ideato da Christian Giove (il nostro Chrys!), durata 90 minuti ed edito dalla Giochi Uniti.
In sostanza è un gioco dalla doppia cattiveria: la prima è verso gli altri per via delle aste, la seconda verso le tessere stanza che acquisterete: non si incastrano mai come sperate.


La minutissima è: i giocatori, dopo aver recuperato le rendite del turno (ripartendo sempre da zero soldi) dovranno acquistare ad asta le carte personaggio disponibili, rialzando però sempre su DUE diversi personaggi. A quel punto, convertiranno i soldi-argento avanzati in soldi oro in un rapporto 5:1 per acquistare stanze da piazzare nella propria gilda secondo regole di contiguità tra porte. Stanze e personaggi danno rendita in soldi e/o PV. Al termine dei turni previsti, chi avrà più punti sarà il vincitore.

Il succo del gioco è abbastanza lineare, quello che lo rende però ogni volta differente come approccio è la smodata quantità di carte e stanze disponibili in ogni turno. Alcune quindi saranno più forti in alcune partite per via delle combo, ma scarse in altre. Alcune vanno acquistate a qualsiasi costo se escono nei primi turni, ma perdono via via di verve con l'avanzare della partita... il tutto lottando su questa doppia asta ogni volta.

I soldi, infatti, finiscono in fretta proprio per questo doppio rialzo, quindi, se decidete di farlo, forse può essere più furbo esaurire o quasi la propria riserva per evitare che semplicemente abbiate ancora tanti soldi... ma non abbastanza da vincere in entrambi i settori scelti.
La scelta delle stanze poi, vi richiederà un minimo di puzzle e azzardo sul piazzamento. Una volta fissate, infatti, non potranno più essere spostate, creando dei vincoli molto stringenti sugli acquisti successivi.

La complessità totale non è molto alta, sebbene bisogna aver masticato un po' di giochi per potersi approcciare nella maniera corretta. La durata è facilmente contenuta nei 90 minuti in 4 giocatori, ma, purtroppo, va detto che non è adatto ai forti pensatori: le informazioni tutte palesi permettono un sacco di ipotesi nella fase di asta e il ritmo può risentirne pesantemente.

Devo trovarci qualcosa? Che forse si potevano usare le iconcine presenti sulle stanze nella descrizione dei poteri dei personaggi. In alcuni casi c'è ambiguità nelle cose. Un esempio è: "Prendi 1 soldo per ogni Guerriero nella tua Gilda". Per Guerriero, si intende tutto ciò che ha il logo Guerriero, quindi sia personaggi che stanze, tuttavia con la frase scritta potrebbe non essere così scontato conteggiare le stanze.

Vi lascio quindi a un filmato un pochino più lungo del solito, ma nel quale approfondiamo un po' di retroscena, diamo due dritte di approccio e... spieghiamo anche la variante a squadre!

Link Egyp e... buona visione!


2 commenti:

  1. Ciao TeOoh,
    visto così mi ha ricordato un po' "Castles of Mad King Ludwig" con le carte (non è un difetto, parliamo di un gran bel gioco), sbaglio?

    PS I bicchieri da giocatore... Vogliooo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il fatto che sia con componente "geografica" sicuramente me lo fa piacere, come appunto CoMKL, ma i giochi sono molto diversi. Qua è la fase di asta che è il cuore del gioco, mentre in ludwig è il piazzamento delle stanze.
      Paradossalmente posso dirti che puoi anche comprare 1/2 stanze in tutta la partita e comunque concorrere alla vittoria. Sono le interazioni forti delle carte personaggio che danno i veri punti (e le maggioranze a fine partita): le stanze sono dei "bonus" per il punteggio.

      Elimina