Recensioni Minute

Recensioni Minute - Una storia di Pirati

scritto da TeOoh!

Diciamo che probabilmente sapevate già tutti che avrei messo le mani su questo titolo. Se ne è fatto un gran parlare prima di Essen e, viste le dinamiche belle frenetiche, non poteva passare fuori dal mio radar.
Che poi non sono così frenetiche come sembra, 'ste dinamiche, perché... no, ferma tutto.
Andiamo con ordine.
Il gioco in questione è "Una storia di Pirati", titolo di Asger Harding Granerud, Daniel Skjold Pedersen, Daniele Tascini per 2-4 giocatori, durata 30 minuti a missione (10 missioni nella scatola) edito dalla Cranio Creations.


La minutissima è: una volta scelto il capitolo da giocare, un'app ci farà preparare il tavolo con carte, materiali e situazione della nave. Poi i giocatori, in contemporanea e collaborativamente, piazzeranno le proprie clessidre (con la sabbia che scende) in uno degli spazi liberi sulla nave. Al termine della discesa della sabbia, potranno quindi performare l'azione scelta (ruotare la nave, accelerare, riparare, sparare, ecc) e spostare la clessidra. Ogni capitolo ha un determinato numero di round e un obiettivo diverso. Se esso è raggiunto entro lo scadere del tempo, si è vincitori.

Il cuore del gioco è questo: molto semplice, molto lineare e facilmente apprendibile. Chiaramente il gusto di tutto risiede nei Capitoli stessi. 
Intanto con il primo capitolo si impara proprio a giocare: tenere un ritmo corretto, capire cosa fanno i vari elementi di gioco (ad esempio: come si abbattono le navi nemiche, come ci danneggiano se restano in gioco, come si affrontano gli scogli, ecc). Ho sempre visto riuscire senza problemi nel superamento di questo capitolo, ma a quel punto si capisce che c'è "qualcosa di più dietro".

A partire dal capitolo DUE infatti, aggiungeremo nuovo materiale al gioco! Non solo carte, ma anche vere e proprie cose da defustellare! Non vi dico cosa, per evitare spoiler, ma sappiate che si creeranno man mano anche ulteriori spazi azione in cui piazzare le clessidre.
Ci sarà quindi bisogno di gestire tutti i tipi di minaccia e pianificare bene le proprie azioni, perché non si tratterà semplicemente di sopravvivere, ma di portare a termine degli obiettivi. A volte, addirittura, il tempo è talmente limitato che dovrete per forza di cose concentrarvi sul finale sperando di non affondare prematuramente.

L'app vi aiuta senza dare fastidio. Vi spiega come setuppare mixando i vari materiali sbloccati sino a quel momento, spiega in sintesi le regole delle carte, tiene il timer, mette musica di sottofondo e... può generare sorprese durante il corso del round! 

Devo trovarci qualcosa? In verità non è un difetto, ma semplicemente un qualcosa che potrebbe farvi percepire il gioco in maniera erronea. Non è frenetico come potete pensare, perché spostate le clessidre solo DOPO che la sabbia è scesa e avete fatto l'azione, quindi è fondamentale usare quei secondi di stop per coordinarsi al meglio e non sprecare troppe mosse. Non è un "piuttosto che star fermo, fai", ma un "decidi veloce cosa fare". Quindi, ecco, in funzione di questa cosa dovete avere un gruppo che ama parlare e discutere senza andare troppo per il sottile, altrimenti o rimanete spesso in silenzio "senza giocare" oppure... affonderete senza salvezza.

Vi lascio ad un link Egyp e vi auguro buona visione!

1 commenti:

  1. Che dire.
    Letto l'articolo, visto il video, cliccato sul link, comprato il gioco.

    Si può desiderare di più? :D

    RispondiElimina

Powered by Blogger.