recensione

The Grimm Forest [Recensione]

Scritto da Chrys.

Ed eccomi di nuovo a voi dopo la breve pausa per riprendermi dalla nostra Convention... oggi vi parlo di quello che è ufficialmente il primo gioco comprato e giocato per colpa di Sayuiv, che me lo fece scoprire oltre un anno fa con un suo articolo.

Sto parlando di The Grimm Forest (2-4 giocatori, 45-60 minuti) ideato da Tim Eisner e pubblicato grazie ad una campagna KS di successo dalla giovane Druid City Games, che devo dire aver fatto un ottimo lavoro. 

Si tratta di un gestionale abbastanza leggero con un alto livello di interattività; la struttura è solida e grazie a Kickstarter questa è stata anche accompagnata da una splendida grafica e da alcune miniature... nulla che non potesse essere sostituito da meeple e token, ma il risultato finale è decisamente sontuoso.

In questo gioco parteciperemo ad una specie di bando di concorso edile fantasy: infatti il Re vuole urbanizzare una nuova parte del regno, ma i suoi fidati mastri costruttori, i famosi tre porcellini, sono ormai (letteralmente) dei vecchi maiali sinanco parecchio rimbambiti e quindi il re deve trovare qualcuno che li sostituisca. Ed ecco quindi che fino a quattro giovani porcellini saranno in lizza per il prestigioso titolo, che andrà al primo che riuscirà a costruire tre case complete. Ma attenzione: nella foresta delle fiabe vi saranno amici pronti ad aiutarvi ma anche molte insidie. ;)

NELLA SCATOLA
Anzitutto... oooooooooh. O__O 
Kickstarter spesso è un rischio e tante volte tende a usare l'opulenza dei materiali per nascondere una certa aridità nel gameplay, ma se ha un pregio è sicuramente quello di alzare di molto la qualità dei materiali in virtù di una prevendita che se va bene permette una tiratura talmente alta da abbatterne i costi, trovandosi poi tra le mani titoli che un tempo sarebbero stati l'edizione 10° anniversario... ovviamente è quello che è successo qui.

Troviamo nella scatola due mazzi di carte (fiabe e amici) e quattro mazzetti personali da 4 carte con le azioni del turno. Abbiamo poi 4 plancette centrali e 4 plance personali estremamente diverse per disegno e sagomatura. Troviamo infine tantissimi token risorsa in cartoncino (paglia, legno e mattoni) e un dado per la variante in due giocatori.

Passando alle cose serie troviamo le quattro miniature dei giocatori (due maialini e due maialine) tutte diverse e corredate di una comoda basetta nel proprio colore; abbiamo poi varie altre miniature collegate a carte fiaba che comportano il piazzamento di minacce nelle plance centrali (2 lupi, il grande lupo cattivo, un dragone, un troll e un gigante) alcune delle quali decisamente grosse. 
E per finire abbiamo le tre tipologie di casette tridimensionali costruibili (ovviamente paglia, legno e mattoni), costituite di tre parti: basamento, mura e tetto.

A completare il tutto abbiamo degli scompartimenti su misura nella scatola distribuiti su due livelli, una base che contiene carte, dado e parte delle miniature e altri tre elementi richiudibili che si piazzano sopra incastrandosi alla perfezione per contenere il resto delle miniature, le casette e i token... in particolare i due vassoi scompartimentati che contengono quiesti ultimi due elementi sono sagomati a forma di casetta e possono essere appoggiati direttamente sul tavolo mantenendo tutto in ordine.


COME SI GIOCA
Il gioco si svolge nell'arco di alcuni turni finchè almeno un giocatore sarà riuscito a costrure tre casette (non necessariamente di diverse tra loro); alla fine di un turno se un solo giocatore ha tre casette ha vinto, altrimenti si spareggia vedendo chi ha le casette migliori (mattone > legno > paglia).

A inizio partita ogni giocatore riceve una plancia, su cui terrà le risorse (nel contenitore appositamente disegnato) e costruirà le casette; inoltre ciascuno riceve un mazzo con una carta per ogni plancetta di raccolta risorse. In centro al tavolo vengono messe tre plancette di raccolta: campi (paglia), foresta (legno) e cava (argilla)... in caso si giochi in 4 si aggiunge anche la plancetta mercato. 

La plancia del verde... ogni plancia è completamente diversa! :D

Ogni turno è diviso in due fasi: fase raccolta risorse e fase costruzione.

Fase raccolta risorse
Prima di tutto si aggiungono le risorse indicate sulle plancette (5 paglie, 4 legni, 3 argille + una per tipo sul mercato, se presente), sommandole ad eventuali residui presenti, e poi ogni giocatore sceglie segretamente dove andare mettendo la relativa carta raccolta a faccia in giù. Se vuole assieme alla carta raccolta può anche giocare una carta fiaba, sempre a faccia in su (vedi sotto).


Vengono quindi rivelate prima le carte fiaba, se ne applicano gli effetti, e poi si rivelano in simultanea le carte raccolta, ed ogni giocatore piazza il maialino dove programmato. A quel punto se si è soli in una plancetta di raccolta si prendono tutte le risorse presenti, mentre se si è in più queste vanno suddivise tra i presenti in modo equo, lasciando lì eventuali resti non divisibili.

Le carte fiabe hanno effetti di vario tipo, o a vantaggio del ciocatore che le usa o a danno degli altri. Alcune faranno piazzare (per quel turno soltanto) la miniatura di un mostro su una delle plancette raccolta: ad esempio il troll fa pagare come pedaggio a chi va in quel luogo un numero di risorse pari alla metà per difetto di quelle raccolte.
In questo caso il giallo e il verde prenderanno 2 mattoni a testa e ne rimarrà uno che si sommerà ai 3 del refill.

Fase costruzione
In questa fase ogni giocatore ha 2 azioni a scelta tra le quattro possibili (può anche fare due volte la stessa):
  • Prendere una risorsa a scelta
  • Pescare una carta Fiaba 
  • Usare l'abilità attiva di una carta amico (vedi poi)
  • Costruire un settore di una casa
Le regole della costruzione sono semplici... si deve sempre partire dal basamento, non si può avere più case incomplete dello stesso tipo e il settore costruito costa un certo numero di risorse di quel tipo in base a cosa si costruisce: 2 la base, 4 le mura e 6 il tetto.

Ogni qualvolta si costruiscono le mura di una casetta si attira l'attenzione dei un'altro personaggio delle fiabe amichevole che viene ad insediarsi: questo ci permette di pescare una carta dal mazzo amici: dato che di regolamento si può avere al massimo un amico attivo alla volta questo sostituirà un eventuale amico preso in precedenza o andrà donato ad un'altro giocatore (che sarà però obbligato a tenerselo, scartando eventualmente il suo).

Le carte amico sono personaggi delle fiabe che ci aiuteranno dandoci una qualche abilità passiva (ad es. Robin Hood alla fine della fase costruzione ruberà una risorsa ad ogni avversario con più risorse di noi) oppure un'abilità attiva che normalmente è più forte ma costa una delle azioni della fase costruzione (ad es. il boscaiolo al costo di un'azione ci da due legni aggiungendo anche due alla plancia foresta e può essere scartato nella fase raccolta per scacciare un nemico). Le abilità sono sempre ben tematizzate col personaggio.


CONSIDERAZIONI FINALI
Sono rimasto piacevolmente sorpreso... l'ho finanziato e quindi ovviamente mi ispirava anche a pelle ma non mi aspettavo tanta interazione tra i giocatori. Inoltre coniuga elegantemente tre elementi diversi: la gestione delle risorse, l'uso ragionato di abilità speciali e carte e il bluff derivante dalle scelte segrete... infatti una parte importante del gioco è capire dove andare e quendo usare le carte fiaba nel modo più efficace.

Segnalino 1° giocatore
Quanto a complessità siamo su un peso piuma a livello di regole base (spiegabili in pochi minuti) ma più verso il peso medio se teniamo in considerazioni le abilità delle carte e le strategie possibili. E' comunque un titolo presentabile anche a giocatori con poca esperienza che sicuramente resteranno meravigliati già solo da disegni e materiali, a patto di avere una buona conoscenza dell'inglese.

La dipendenza dalla lingua infatti c'è e non è da sottovalutare perche le oltre 80 carte presentano tutte testo e sono di almeno 50 tipi diversi. Se per le carte Amici non è un problema dato che si pescano e giocano scoperte, per le carte fiaba lo è eccome. Al momento il titolo esiste solo in inglese e non ho notizia di localizzazioni a breve.

La durata è contenuta e rispecchia in pieno le indicazioni della scatola... difficilmente supererete l'oretta di gioco e il round viaggia sempre senza tempi morti, dato che la prima fase è simultanea e la seconda è programmabile (le scelte degli avversari spesso non influiscono sul nostro turno, dato che l'interazione è praticamente tutta nella prima fase).


L'interazione tra i giocatori, come già accennato, è molto alta sia per le scelte simultanee, sia per gli effetti delle varie carte. E' anche un gioco in cui si possono fare tante bastardate.

Inutile tornare sull'estetica, di cui ho già parlato e che potete valutare anche dalle foto a corredo dell'articolo. Il lavoro è eccezionale sia a livello di miniature che di illustrazioni (tantissime e molto ben fatte).


La scalabilità è buona in 3 e 4 giocatori.. non c'è nessuna differenza sensibile grazie al ridursi proporzionale degli spazi raccolta; in 2 giocatori a mio parere perde un po' per via del dado che introduce di fatto una sorta di bot che ogni turno porta via un certo numero di risorse da un settore... tra l'altro il dado rende bilanciato il numero di risorse, ma comunque limita il pestarsi i piedi a vicenda, quindi personalmente ve lo suggerisco soprattutto per 3 o 4 giocatori.
Il prezzo di listino al pubblico è di 49€ (49.90$ in america): il rapporto prezzo/materiali è veramente ottimo ed è stato possibile solo grazie alla campagna Kickstarter. Al momento purtroppolo si trova solo d'importazione e nemmeno troppo facilmente.


-- Le immagini sono tratte da dal manuale, scattate da noi o prese dal sito della/e casa/e produttrice/i (Druid City Games) alle quali appartengono tutti i diritti sui giochi di cui si parla. Le immagini e regole sono state riprodotte ritenendo che la cosa possa rappresentare una gradita forma di presentazione del gioco. --

1 commenti:

  1. Per me il gioco è stupendo: materiali fantastici, organizer non plus ultra (se non si imbustano le carte, altrimenti problema ben noto di tolleranze non rispettate), carte Amico che influenzano le abilità del singolo giocatore ma scalzabili, carte Fiaba che imbastiscono bastardate non da poco, miniature che si prestano ad ed essere facilmente dipinte anche da principianti. Sistema di gioco ad asta nascosta alterabile da condizioni carte.
    Se dovessi proprio trovarci i contro: il testo in inglese non è immediato, bypassabile padroneggiando un livello B1; le miniature dei mostri potrebbero essere messe in gioco in maniera più efficace poiché, dipendendo dalle carte Fiaba, potrebbero non venire "pescate".

    RispondiElimina

Powered by Blogger.