intervista

[Piazzamento Redattori] Valerio

scritto da cogo71 (Andrea C.)

L'appuntamento odierno con la rubrica Piazzamento Redattori, vede i riflettori puntati su Valerio: il Kandinskij di GSNT. Valerio, infatti è il curatore della rubrica [ASTRATTI], una tipologia di boardgame che da sempre appassiona un nutrito gruppo di giocatori e che negli ultimi tempi sta vivendo un periodo molto florido, grazie anche ad alcuni titoli campioni di vendite come Azul e Sagrada.
Valerio può pure vantare un gioco pubblicato come co-autore, dal titolo che farà sobbalzare tutti i fan di Goldrake ^_^. Non voglio però rivelare ulteriori dettagli e vi ricordo che potete utilizzare lo spazio riservato ai commenti per soddisfare eventuali altre curiosità.


1. Presentati ai nostri lettori, parlaci un po' di te: dove sei nato, dove vivi e qualsiasi altra informazione tu abbia voglia di condividere.
Cloe
Ciao, sono Valerio, sono nato a Imperia il 1° Gennaio 1983 e dopo essermi spostato a Genova per frequentare l'università in Informatica sono rimasto a lavorare e vivere lì. Ho una stupenda moglie, Isabella, e una figlia nata a luglio 2016, Cloe, che mi riempiono la vita. Ho un fratello e 2 sorelle e sono zio di 7 nipoti, ai quali regalo ad ogni occasione giochi da tavolo intelligenti. Da giovane ho sempre giocato in famiglia ai classici giochi come Hotel, Cluedo e Inkognito, ma la vera passione è scoppiata con gli scacchi, di cui sono stato istruttore nelle scuole elementari, arbitro regionale e giocatore professionista frequentando i tornei locali. Per via degli studi e degli impegni crescenti ho pian piano abbandonato la strada del professionismo negli scacchi e mi sono sempre di più affacciato al mondo del gioco da tavolo, grazie pure al negozio di fiducia di Imperia Lo Stregatto. Adesso da parecchi anni colleziono giochi soprattutto astratti, mio genere preferito a cui sono legato particolarmente, probabilmente anche per il richiamo agli scacchi: ho una collezione di quasi 600 titoli e oltre 1/3 sono giochi astratti. Io cerco di giocare ogni volta che riesco, con la moglie, con la bimba (con i suoi primi giochi da tavolo e l'ottimo Bunny Boo per introdurla alla logica) e con gli amici nelle serate ludiche.

Giochi medievali
2. Come sei arrivato a far parte della redazione di GSNT?
Visto che si parlava poco degli astratti, mancando un astrattista nel gruppo, ho contattato Pinco11 nel 2017 per dare il mio contributo nonostante il poco tempo a disposizione. Già alla CON 2017 di Genova ho partecipato e mi ha fatto piacere la continua presenza nei tavoli dedicati a giochi astratti come Santorini, a dimostrazione che alla fine gli astratti, se ben vestiti, possono piacere a tutti.

3. Quali sono al momento i tuoi 5 giochi da tavolo preferiti?
Escludendo i giochi millenari scacchi, shogi e go che fanno storia a sé, tutti i giochi del Progetto GIPF a cui sono particolarmente affezionato, in particolare a ZÈRTZ e DVONN, e i sempreverdi Gigamic Quoridor e Quarto, come 5 giochi preferiti che gioco sempre volentieri cito Santorini, Ricochet Robots, Five Tribes: I Geni di Naqala, Century - La Via delle Spezie e Splendor.



4. E invece quali sono i titoli che ti rifiuti di giocare a prescindere?
I giochi american caciaroni pieni di miniature, carte e dadi, i giochi con troppa alea e i giochi con una durata eccessiva sopra le 2 ore.

Kula World
5. Oltre ai giochi da tavolo, quali altri interessi coltivi assiduamente?
Sono un amante di videogiochi intelligenti, principalmente puzzle e giochi di logica (il mio preferito è Quadrax, il puzzle game più complesso al mondo), mi piacciono anime e manga, sono un cinefilo e mi piace soprattutto l'animazione. Mi piacciono i rompicapo e i giochi logici con carta e matita, primariamente quelli giapponesi di Nikoli.

6. Preferisci partecipare ai grandi appuntamenti fieristici o alle convention ristrette dove si gioca e basta?
Entrambe, sono molto fiero che in Italia ci siano fiere importanti come Lucca Comics & Games e Modena Play a cui partecipo assiduamente da anni e anche la CON nel suo piccolo è una manifestazione di cui si sentiva il bisogno, dove provare tanti prototipi futuri e sentirsi come in una grande famiglia come poche altre realtà possono far sentire.

Cornhole

7. GSNT a parte, quali altri siti o media di informazione ludica consulti regolarmente?
Il principale è BoardGameGeek (BGG), poi come siti italiani la Tana dei Goblin, Balena Ludens, Geek.pizza. Come riviste online seguo assiduamente ILSA e Il Fogliaccio degli Astratti, mentre dalla sua uscita sono abbonato all'unica rivista italiana dedicata al mondo del gioco da tavolo ovverosia ioGioco. Per seguire le uscite delle principali fiere mondiali come Essen e Gen Con uso invece Tabletop Together Tool.

8. È cambiato il tuo modo di vivere il gioco da tavolo dopo essere diventato autore? Quando ti siedi al tavolo, studi le dinamiche e le meccaniche del titolo che hai di fronte o pensi solo al divertimento?
Io insieme a mia moglie abbiamo vinto il premio per il Miglior Gioco Inedito 2012 con Shooting Star. L'esperienza è stata molto appagante, perché ci ha permesso di capire molti retroscena che stanno dietro la creazione di un gioco da tavolo collaborando con la dV Giochi. Nonostante il premio vinto il mio atteggiamento quando mi siedo di fronte a un nuovo gioco non è cambiato, perché da sempre mi piace sviscerare le meccaniche e capire cosa c'è dietro, probabilmente anche per i miei studi in informatica. Infatti sono contento che siano stati pubblicati recentemente 2 grandi libri di cui consiglio l'acquisto a tutti gli appassionati: La progettazione dei giochi da tavolo. Strumenti, tecniche e design pattern di Walter Nuccio e L'autore di giochi di Emiliano Sciarra.

Capitan Basilico
9. Qual è la tua posizione nei confronti delle trasposizioni digitali dei giochi da tavolo?
Ormai i modi di giocare ai giochi da tavolo si sono evoluti, ad esempio io gioco molto ai giochi da tavolo sul cellulare, dove ho installati – oltre ai soliti scacchi, shogi e go – i giochi ufficiali di 6...le prendi!, Abalone, Arimaa, Bonhanza, Carcassonne, Game of the Amazons, Ganz Schön Clever, Hey That's my Fish, Hive, Hnefatafl, Ingenious, Isle of Skye, Istanbul, Jaipur, Kamisado, Love Letter, Mr Jack Pocket, Nika, Onirim, Onitama, Pandemic, Patchwork, Perudo, Pozioni Esposive, Quarto, Splendor, Tichu, Tigris & Euphrates e a breve sarà rilasciato anche Santorini!

10. Perché recensisci giochi?
Per far conoscere a più persone possibili giochi che mi stanno a cuore e di cui spesso, se non si facesse almeno una recensione, rimarrebbero sconosciuti alla maggioranza.

Roccia dell'orso
11. C'è qualche tua recensione di cui sei particolarmente orgoglioso o che ti è piaciuto maggiormente scrivere?
Be', la prima che mi ha lanciato nel blog di GSNT, ovverosia quella di Santorini, gioco a cui sono particolarmente affezionato, il quale ha dimostrato che un gioco astratto meritevole con una veste grafica adeguata possa piacere a un pubblico di massa (ricordo che l'attuale Santorini non è altro che una riedizione abbellita del gioco del 2004, che invece non aveva avuto questo successo).

12. Quali scatole hai sul tuo tavolo in questo momento? Ci puoi anticipare cosa recensirai nel 2019?
Con Carlsen
L'ultimo arrivato è The Duke - Lord's Legacy, versione migliorata ed espansa del capolavoro The Duke che era l'ultimo astratto della top 25 su BGG a mancarmi in collezione. Altri giochi recenti arrivati sono War Chest, ottimo astratto che unisce il gioco di guerra al bag-building con splendidi materiali e molta variabilità e la seconda espansione di Onitama: Way of the Wind, che oltre a nuove carte introduce uno spirito del vento neutrale per partite sempre diverse e stimolanti. Non posso anticipare cosa recensirò nel 2019, ma posso promettere che saranno titoli mai trattati che mi stanno particolarmente a cuore, perché è quello che mi spinge a volerli far conoscere alla gente e dedicare il mio poco tempo a farne le recensioni.

13. Quante partite fai prima di recensire un gioco? Quanto ti prende scrivere un articolo?
Coi cervi in Giappone
Se recensisco un gioco è perché per me è speciale e quindi l'ho già giocato e intavolato molte volte a prescindere dalla recensione, ma direi che un buon numero sono da 5 a 10 partite. Per scrivere un articolo ci metto parecchie ore, perché prima inserisco il come si gioca e poi inserisco man mano le mie impressioni così come mi vengono per poi sistemarle e dare una struttura ordinata al tutto. Altro tempo piuttosto lungo è sulle foto: visto che quelle del gioco sono tutte fatte in casa senza strumenti professionali, c'è parecchio lavoro nel scegliere le foto migliori, tagliarle con Photoshop e decidere l'ordine nell'articolo. Infine un po' di tempo lo prende pure l'inserimento della recensione online, cercando di mettere tutto come lo si era pensato su Word, grassettare i concetti chiave... insomma, direi che una decina di ore tra tutto le spendo nello scrivere una recensione, cosa che spalmo nell'arco di un mese, dato che, anche per il poco tempo a disposizione, cerco di tenere un ritmo di pubblicazione di 1 recensione al mese.

Crokinole
14. A cosa stai giocando di più in questo periodo NON per motivi redazionali?
In generale i giochi che gioco di più, ma so che non recensirò mai, sono i party game che giochiamo spesso con gli amici durante le serata ludiche, come gli intramontabili Dixit, Nome in codice, Spyfall, Twins, Bang!, ... e poi i giochi di destrezza a cui sono particolarmente affezionato, in particolare Crokinole, che gioco quando voglio staccare la spina per una sfida di pura abilità manuale.

15. Shelf of Shame: quante scatole hai a ZeroPartite™? E quante ne possiedi in totale?
Per principio se prendo un gioco faccio almeno una partita, quindi non ho giochi senza almeno una partita all'attivo. Attualmente ho 570 scatole con qualche ordine che mi deve arrivare da varie fonti, tra le quali Kickstarter, quindi il numero salirà a breve, ma penso che anche per problemi di spazio non supererà l'ordine dei 600.

16. È ancora possibile trovare meccaniche innovative? Quali ti piacerebbe venissero esplorate, variate, smontate e rimontate?
La fantasia non ha limiti, quindi per me ci potranno sempre essere nuove meccaniche o meccaniche che vengono utilizzate in maniera originale, quello importante è far respirare al giocatore una nuova sensazione ogni volta. Da buon appassionato di logica mi piacerebbe venissero approfonditi i giochi induttivi che in commercio sono davvero pochi, l'ultimo nella mia collezione è il prezioso Zendo nella sua nuova edizione.

In Valle d'Aosta
17. Ti capita di playtestare? Ti piace o, potendo, eviti?
Non mi capita quasi mai di playtestare: penso che mi farebbe piacere, soprattutto se il titolo è nelle mie corde, per dare il mio parere e contributo sul gioco. Allo stesso tempo mi farebbe poi arrabbiare giocare a un gioco meritevole sapendo che difficilmente vedrà mai la luce. Ad esempio alla CON 2018 ho provato il prototipo del gioco asimmetrico Batracomiomachia, che ho trovato ottimo e ben bilanciato.





RAFFICA FINALE
Torii
Autore preferito?
Kris Burm
Illustratore preferito?
Non mi interessa la grafica
Meccanica preferita?
Controllo delle aree
German o American?
German tutta la vita
Interazione diretta o indiretta?
Diretta in 2 giocatori, possibilmente indiretta in più giocatori
Astratto o ambientato?
Astratto
Ambientazione preferita?
Una bella scacchiera di legno
Durata maggiore o inferiore a 1 ora?
Sicuramente entro l'ora
1 vs 1 o 4 e più?
Entrambi: con la moglie 1 vs 1, con gli amici molti di più, dipende dal tipo di serata
Wargame o gioco di ruolo?
Nessuno dei due
Cooperativo o competitivo?
Competitivo, ma non mi dispiacciono neanche i cooperativi più meritevoli, essendo comunque un genere in minoranza
Dadi o controllo totale?
Controllo totale
PnP o Deluxe Edition?
Deluxe Edition
Espansioni sì o no?
Sì, se il gioco merita

Passerella panoramica dell'Orrido

4 commenti:

  1. Anch'io ho un kalaha come il tuo, ma soprattutto: chi è Capitan Basilico?!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come chi è? Capitan Basilico è il primo supereroe ligure verde come il pesto protagonista di 2 film e fa parte della mitica Band dialettale Ligure Buio Pesto.

      Elimina
    2. Come ho fatto a vivere tutti questi anni nell'ignoranza?!?

      Elimina
  2. Cornhole... per anni è stato il primo "stand" dove mi "fiondavo" a Play con gli amici... poi due anni fa (mi pare) non l'ho più trovato, sigh!

    RispondiElimina

Powered by Blogger.