nonsolograndi

[nonsolograndi] Little CIRCUIT

scritto da White Winston (Andrea P.)

Ebbene sì. Ci sono cascato anch'io. Avevo pensato di partire da un introduttivo al gioco, un Carcassonne ad esempio, ma quando Tommi ha tentato di ingerire un meeple ho capito che 2 anni sono troppo pochi e così ho dovuto virare verso un gioco più alla sua portata. "Scythe?" Ehm no... "Little CIRCUIT!!!" Certo che passare dal cinico Solo sul mio tavolo al familiare nonsolograndi è un po' come cambiare canale nel bel mezzo di "Pulp Fiction" e ritrovarsi a guardare la "Sirenetta" (si vede che ancora devo svecchiare il mio parco "cartoni Disney"... vero?!), ma farò del mio meglio per camuffarmi nel più docile recensore di giochi per bambini, trasformando gli spigoli in smussi e usando esclusivamente "forbici dalla punta arrotondata"!



LITTLE CIRCUIT
È un titolo che fa parte della collana (Little OBSERVATION, Little MÉMO, Little COOPERATION, Little CIRCUIT, Little BALANCING, Little ASSOCIATION, Little ACTION) pubblicata da Djeco nel 2018 e dedicata ai bambini dai 2½ ai 5 anni. Da 2 a 4 giocatori per 15 minuti circa, è un classico gioco di corsa col dado (stile Gioco dell'Oca) rivisitato e riadattato per i più piccoli, anche piccolissimi.

I MATERIALI
La scatola contiene:
  • il regolamento in 10 lingue (FR, EN, DE, NL, ES, IT, PT, DA, SV, RU);
  • un percorso in cartoncino spesso stampato lucido con le tessere che si incastrano come un puzzle;
  • un dado in legno;
  • 4 animaletti di gomma morbida;
  • 15 token "insetto" in cartoncino spesso stampato lucido.
I componenti sopra descritti fanno di questo gioco (e della serie "Little" in generale) davvero un prodotto eccellente dal punto di vista dei materiali. Non posso immaginare una produzione migliore di questa per un gioco di questo tipo!

LE REGOLE, OVVERO: COME SI GIOCA?
Dopo aver montato il percorso, ogni giocatore può scegliere uno dei 4 animaletti a disposizione. Ad ogni turno il giocatore tirerà il dado e sposterà il proprio animaletto sulla prossima casella del colore uscito. Ci sono poi due facce speciali del dado: l'ape e il fiore. La prima (l'ape) vi farà indietreggiare fino all'ultima casella dello stesso colore di quella sulla quale eravate; il secondo (il fiore) vi farà avanzare fino alla prossima casella dello stesso colore di quella sulla quale si trovava il vostro animaletto. Chi arriva prima in fondo al percorso prende un gettone. Vince chi colleziona per primo 3 gettoni.

CONSIDERAZIONI & IMPRESSIONI
Come avrete intuito dall'introduzione, questo per me è stato (ed è tutt'ora) il primo gioco da tavolo che ho intavolato con mio figlio. Al di là del gioco in sé, che può risultare pure banale visto che è solo un gioco dell'oca leggermente rivisitato, ho notato che ciò che ha impreziosito l'esperienza è stato anche e soprattutto il contorno al gioco stesso. Già soltanto montare il percorso, che è in tutto e per tutto un piccolo puzzle, scegliere l'animaletto gommoso e farlo "pascolare" un po' sulla plancia, è stata per Tommi un'esperienza nuova e assolutamente divertente. Quando abbiamo cominciato a giocare Tommaso aveva solamente 2 anni (quindi 6 mesi in meno rispetto a quanto consigliato sulla scatola) e il meccanismo del "tira e muovi sul colore giusto" non è stato subito immediato. A distanza di 6 mesi, durante i quali abbiamo fatto diverse partite insieme, ha capito perfettamente il funzionamento ed è in grado di spostare gli animaletti sulla casella del colore appropriato in maniera indipendente. Non sempre è facile mantenere un certo ordine nell'approccio al gioco (si distrae facilmente), ma la cosa che mi ha strabiliato fin dalla prima volta è stato il riuscire a passare 15 minuti a giocare insieme seduti a un tavolo, che per un bambino di quell'età non è affatto scontato! Una difficoltà che ho riscontrato e che riscontro tutt'oggi invece è il funzionamento dell'ape/fiore in quanto, seguendo il ragionamento dei colori, ogni volta gli verrebbe naturale spostare l'animaletto su un'ape o su un fiore rappresentato sulla plancia! Per bambini di 2-2½ anni, suggerisco quindi di modificare l'ape in un semplice "salta il turno", in modo da lasciare solo il fiore come "meccanica speciale".

COSA SI IMPARA IN QUESTO GIOCO
A 2 anni e mezzo da un gioco del genere si possono imparare un sacco di cose! Ad esempio:
  • montare un puzzle (con un po' di aiuto magari);
  • riconoscere i colori e chiamarli col loro nome;
  • capire a cosa serve un dado e associare ciò che esce con una conseguenza nel gioco;
  • imparare il concetto di vincere/perdere (nel caso di Tommi, complice forse il fatto di non aver frequentato un asilo nido, non è ancora del tutto chiaro);
  • giocare dovendo rispettare delle regole (la cosa più difficile probabilmente);
  • forse la cosa più basilare, ma anche la più importante: imparare ad approcciare un gioco da tavolo.

FINO A QUANDO CI SI PUÒ GIOCARE
Con qualche accorgimento e naturalmente accompagnando l'esperienza senza forzature, potrete a mio avviso proporre Little CIRCUIT pure a un bambino di 2 anni. Tutto sta nell'adattare il gioco alle competenze di vostro figlio, senza pretendere fin da subito che capisca tutto il suo funzionamento (questa cosa l'ha imparata strada facendo anche il sottoscritto!). Sul limite superiore, non avendo bambini più grandi, posso solo supporre che il 5 anni scritto sulla scatola possa essere corretto; sopra i 5 anni ci sono sicuramente meccaniche più stimolanti del semplice "tira il dado e muovi".

PERCHÉ GIOCARE COL BABBO, MA SOPRATTUTTO CON MAMMA
Tutti i giochi è bello giocarli con la mamma e il babbo (lo so che suona strano... ma in Toscana si dice babbo!)... peccato che la nostra "mamma" sia completamente anti-gdt!!! Ma ci stiamo lavorando...

Se vuoi rimanere sempre aggiornato, iscriviti al nostro canale Telegram!
[nonsolograndi] Little CIRCUIT [nonsolograndi] Little CIRCUIT/>
Rating: 5

6 commenti:

  1. Bravo babbo e bravo Tommi! Benvenuti nella rubrica ^_^

    RispondiElimina
  2. Benvenuto nella rubrica =) Preparati a sorprese del tipo "questo gioco non potra' mai piacere a mio figlio e' troppo facile" (papa' e' il mio preferito....) =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di sicuro! Ho come l'impressione che prima di riuscire a liberarmi dell'alea passerà qualche annetto... XD

      Elimina
  3. benvenuto da uno dei padri fondatori della rubrica!!! nonsolograndi continua a crescere, è bellissimo sapere di avere un nuovo papà ad aiutarci, ma soprattutto un nuovo piccolo giocatore ad accrescere la comunità ludica di GSNT.
    vedrai come sapà stupirti io ne ho due ed ogni volta mi stupisco per qualche loro dettaglio nell'approccio ai giochi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Nel mio caso non avrete un "papà" ma un "babbo"... spero mi accettiate lo stesso! XD

      Mi ha già stupito quando è uscito il fiore e candidamente ha preso il suo animaletto e lo ha messo sopra ad un fiorellino disegnato sulla plancia! ^_^

      Elimina

Powered by Blogger.