[Boardgame World] Giochix

scritto da White Winston (Andrea P.)

Dopo l'ultima intervista, dedicata a Side Room Games, torniamo in Italia, per conoscere un editore che nel tempo si sta facendo sempre più spazio, grazie a tante localizzazioni di qualità (spesso legate a Kickstarter di successo) e produzioni di giochi ambiziosi, importanti e squisitamente dedicati ai gamer, come ad esempio quelli legati all'autore portoghese Vital Lacerda. Recentemente abbiamo parlato di loro in occasione della preview su Città Stato (l'ultimo titolo di Simone Cerruti Sola... la campagna è ancora in corso!), ho il piacere di dare il benvenuto sulle nostre pagine a Michele Quondam e alla sua Giochix!

1. Come hai cominciato con il mondo dei giochi da tavolo? Qual è la tua storia di giocatore? Che cosa ti ha portato a scoprire questo hobby? Quando hai deciso di passare “dall’altra parte”?

Nasco come giocatore di ruolo e lo sono tutt’ora dopo una vita (questo lo dico con orgoglio). I giochi da tavolo hanno però fatto la loro comparsa molto presto, già negli anni 80; mi ricordo le partite a Cry Havoc e quelle senza fine a Blood Royale, tanto per dirne un paio...
Ho fatto tantissimi anni di associazionismo ludico a Roma, creato e partecipato alla creazione di tanti eventi e realtà. Il passaggio professionale credo sia stato naturale. 

2. Giochix è un negozio fisico, uno shop online, un editore e una piattaforma di crowdfunding (Giochistarter). Inoltre, tu figuri sia come game designer che come editore. Quale tra questi ruoli ti porta via più tempo ed è il più complesso da gestire? Come riesci a mettere tutto insieme?

L’attività editoriale è quella più importante e prende più tempo in assoluto. L’atto di creare giochi invece è personale, nasce dalla passione per questo hobby ed è quasi un processo istintivo. Mi piacerebbe molto avere più tempo da dedicarci! Le altre attività completano la nostra offerta.

3. Tra giochi localizzati e giochi da voi direttamente prodotti, ormai si contano decine di titoli. Potresti definire uno stile e/o un target del marchio Giochix oggi? Qual è la vostra “mission” come editore? 

I giochi più strategici e smart sono quelli che ci contraddistinguono. Il target sono sempre i gamers. Non seguiamo per forza logiche di mercato. Abbiamo fatto giochi come Tales of the Arabian Nights e Medioevo Universale che nessuno pensava sarebbero mai usciti in italia. Ogni gioco ha dietro una storia, un qualcosa che lo ha contraddistinto, un motivo e un senso. La mission è quella di appassionare, intrigare, sfidarsi in strategia e intelligenza intorno ad un tavolo… e divertirsi.

4. Tra gli autori che regolarmente localizzate, vi è anche Vital Lacerda. Nonostante molti detrattori e un mercato che spesso sembra premiare la semplicità e l’eleganza, è un autore che continua a sfornare titoli di peso massimo e a rimanere costantemente sulla cresta dell’onda, grazie ad uno zoccolo duro di fans. Come spieghi questo fenomeno? 

Non mi sembra che Vital abbia molti detrattori, anzi. Ha una grandissima schiera di appassionati che lo seguono, anche in Italia. E’ un bravissimo autore che mette l’anima in quello che fa, e non solo quando scrive i regolamenti. II che credo spieghi anche i suoi risultati.

5. C’è un titolo in particolare del vostro catalogo di cui vai particolarmente fiero (per meccaniche o per risultati ottenuti)? Qual è invece il titolo pubblicato da altri che avresti voluto produrre tu stesso? E invece il titolo che hai proposto, ma secondo te non ha avuto l'attenzione che meritava?

Sono tanti, non c’è uno in particolare (escludo i miei titoli ovviamente che vedo in modo diverso). Medioevo Universale è uno tra quelli che mi viene in mente, perché è stato come fare 10 giochi in 1!
Sinceramente non mi vengono in mente giochi persi e che avrei potuto fare. Sicuramente ci sono stati, ma i prototipi dei giochi girano un po’ ovunque, è normale che non si possano fare tutti.
Per l’attenzione mancata è un discorso generale. I giochi hanno accelerato ogni anno e continuano a farlo. C’è una fame smisurata per le novità e si fa una partita ormai in media ad un singolo gioco, raramente di più. Tutti i giochi sono sacrificati, specialmente quelli complessi, che richiedono anni di studio e lavoro. Credo che tutti meritino molta più attenzione. Leggi di mercato (folle), che ci vuoi fare?

6. Se volessi buttarmi nel mercato del crowdfunding oggi, sulla base della tua esperienza ormai consolidata, che consigli potresti darmi?

Per fare una campagna? Ti direi che prima devi completare al 110% il tuo gioco, poi metterlo da parte e farlo molto meglio, e non parlo di regole. Quindi, se sei disposto a gettarti nella rete e a subirne tutti gli effetti passando 2-3-4 settimane molto difficili, allora sei pronto alla battaglia!


7. Come crowdpreordering/crowdfunding quante campagne attive riuscite a gestire? E con i Crowdfinding, invece, vi proponete come competitor di KickTraq?

Se parli di nostre campagne dirette, per farle bene non si può andare oltre ad un paio al mese. Il sistema invece può reggerne molte di più, se ci sono altri responsabili che le seguono.
No, nessun competitor. Il Crowdfinding l’ho creato per me per cercare le campagne più interessanti, poi l’ho messo a disposizione di tutti e spero possa essere d’aiuto.

8. Progetti futuri? Puoi rivelare qualcosa in anteprima ai nostri lettori?

Tanti, ma tutti a livello ancora di assoluta segretezza. Non posso dir nulla.

9. C’è qualcos’altro che vuoi aggiungere?

Forza che ce l’abbiamo quasi fatta! Sono sicuro che per primavera potremo di nuovo vederci di persona per giocare insieme. Un in bocca al lupo anche a tutte le associazioni ludiche che devono superare un difficile periodo di chiusura obbligata!

Se vuoi rimanere sempre aggiornato, iscriviti al nostro canale Telegram!
[Boardgame World] Giochix [Boardgame World] Giochix/>
Rating: 5

1 commenti:

  1. Sarebbe stato bello se il legittimo orgoglio per Medioevo Universale si fosse trasformato in un regolamento Giochix rivisto e completo delle varie faq uscite dal momento dell'uscita. Più volte annunciato negli anni sui forum di bgg ma mai uscito...

    RispondiElimina

Powered by Blogger.