[Ieri Sera sui Nostri Tavoli] Kingswood, Kanagawa, Sheepland e altri 2!

scritto da Figlio di Griffin e da tutti gli impressionanti

Buona domenica a tutti. Ai compratori di scaffali belli e ai riciclatori di scaffali brutti. Questa settimana abbiamo cominciato con un videogioco che ci ha riportato alla memoria una miriade di personaggi cari alla nostra infanzia. Ci siamo poi avventurati in una foresta cercando fama e prestigio, un po' come novelli Robin Hood/Cacciatori di mostri. Ci siamo trasferiti quindi sull'isola delle pecore per raccogliere quanta più lana possibile. Abbiamo lasciato le coste sarde per volare (con la fantasia, subito) sulle coste del Giappone. Lì ci siamo accorti di avere fatto una vera e propria follia.
Buona lettura.



[F/\B!O P.] Covil: The Dark Overlords • 1-4 giocatori • 12+ • 40-90' • giocato in 2 alla prima partita • 70' con spiegazione
Covil: The Dark Overlords

Giocare durante una pandemia COVID a un gioco intitolato Covil non è male, eh? È uno dei rari casi (Menzel, Laukat) in cui ideatore e illustratore sono la stessa persona. Alla base ha una meccanica di controllo aree e il numero dei punti azioni è rappresentato dalle pedine sul tabellone, che vengono stese per indicare l'effettuato svolgimento. L'impaginazione/iconografia, sempre opera dell'autore factotum, è chiara e siamo entrati subito in partita. Ci siamo confrontati sulla mappa specifica per due giocatori e, dopo un inizio guardingo, abbiamo concluso la sfida con le rispettive fortezze rase al suolo. Tuttavia Monica è stata molto più brava di me a sfruttare l'oro (unica risorsa), accumulando una serie di carte reliquia che ha fatto arrossire le mie. Cosa curiosa: l'immagine qui sopra, mandata in alcuni gruppi WhatsApp, è diventata una simpatica caccia alla citazione, visto che le illustrazioni sono piene zeppe di riferimenti al nerdverso, a volte anche doppi o tripli. Riuscite a riconoscere i sei servitori sulla plancia e le tre reliquie a lato? Il successo è stato tale che da venerdì prossimo la rubrica #6nomiincodice del nostro canale Twitter diventerà #trovalacitazione ^_^
[approfondisci su GSNT]


[Valerio] Kingswood1-5 giocatori • 10+ • 15-45' • giocato in 2 • 30' con spiegazione
Kingswood
Il Re ha riunito le Gilde più importanti del villaggio e ha lanciato una sfida: liberare la foresta circostante dai Mostri per guadagnare fama e gloria per la tua Gilda! Questo titolo uscito tutto in italiano grazie a Little Rocket Games mi ha ricordato Istanbul per via delle location variabili, ma alla prova dei fatti si è rivelato un gioco molto più immediato e leggero con un target più familiare, ma non per questo banale. Nel gioco si muove uno degli avventurieri in comune nelle location, libere attivando gli effetti della tessera di partenza e di arrivo, piazzando la Guardia del Re nella location di partenza e pagando monete se si vuole muovere più distante. L’obiettivo è migliorare la dotazione iniziale di Spade, Libri, Cuori e Monete del nostro personaggio come in ogni buon RPG per essere pronti ad affrontare i mostri della Foresta sfruttando anche le abilità uniche del nostro personaggio. Una volta che siamo pronti andando nella location Foresta si potranno sconfiggere tutti i mostri presenti che si riuscirà a battere spendendo le risorse necessarie e guadagnando subito i punti vittoria e gli eventuali bonus. A parte le monete le altre risorse non si perderanno, ma una volta usate si potranno ripristinare nelle apposite location. Il primo che arriva a 20 punti farà finire il gioco, anche se poi si aggiungeranno gli eventuali punti di fine partita dati da alcuni mostri. La cosa più stupefacente del gioco, oltre alla sua semplicità che permette a chiunque di goderselo appieno già alla prima partita, è la sua variabilità in quanto ogni giocatore userà 1 dei 7 personaggi, ognuno con un’abilità diversa, e oltre alle 5 location base se ne aggiungerà una sesta pescata a caso tra le 8 speciali. Tutto questo garantisce partite sempre diverse e invoglia a  intavolarlo, grazie anche ad una durata contenuta. Gli spazi per muoversi sono molto stretti, non potendo andare dove c’è un altro avventuriero o la Guardia del Re, e bisogna pianificare una buona strategia per affrontare i mostri nel migliore dei modi, possibilmente sconfiggendo quelli più remunerativi. La partita è stata tesa fino all’ultimo e si è conclusa sconfiggendo un Gigante del valore di 5 punti e la differenza tra primo e secondo è stata di 1 solo punto. Sicuramente mi è venuta voglia di rintavolarlo per giocarlo con altri personaggi e location e sperimentare anche la versione in solitario, dove bisogna affrontare ondate di mostri come in un tower defense.
[approfondisci su GSNT, compra su Egyp]


[Davide-Simarillon] Sheepland • 2-4 giocatori • 8+ • 45' • giocato in 3 • 40' con spiegazione
Sheepland
Luciani-Tascini in veste anonima che regalano un giochino family alla portata di tutti i giocatori. Pastori presumibilmente sardi viaggiano mettendo recinti per raccogliere il maggior numero di pecore in uno o più dei sei territori dove maggiore sarà la rendita per il proprio gregge. Una simpatica pecora nera scorrazza ad ogni turno, seguendo il numero indicato dal dado e alla fine della partita regalerà altri due punti extra. Gioco in cui al proprio turno si possono fare tre azioni tra muovere le pecore, spostare i pastori e acquistare i territori, anche ripetendole, ma lasciando sempre il vincolo di muovere almeno una volta il pastore (il movimento stesso è il timing del gioco) e non ripetendo la stessa azione consecutivamente. Gioco simpatico da tirar fuori ogni tanto per ricordarci che anche i grandi cuochi ogni tanto cucinano delle "pietanzine". 


[Valeria-MeepleOnTheRoad] Kanagawa • 2-4 giocatori • 10+ • 45' • giocato in 4 • 60' con spiegazione
Kanagawa
Ieri sera avevamo un'oretta di tempo prima di andare a ritirare la pizza e allora perché non riempirla con un bel fillerino? Tiro fuori questo titolo che ogni tanto mi piace avere sul tavolo, anche solo per srotolare l'adorabile tovaglietta di finto bambù che funge da tabellone. Una decina di minuti scarsi per spiegare ai miei avversari come funziona il gioco e si parte. Ormai loro si sono lanciati su giochi più complessi e questo lo masticano subito senza problemi. Sono io che spingo un po' troppo il push-your-luck e mi ritrovo con mille carte che non posso dipingere e con mille colori doppi che non mi servono e mi allungano inesorabilmente il percorso dei pennelli. Ai miei amici, invece, sembra andare tutto bene: riescono ad allineare carte della stessa stagione come se nel mazzo ci fossero solo quelle, riescono a prendere diplomi manco li vendessero scontati al mercatino delle pulci e guadagnano nuvole-jolly che, come manna dal cielo, sistemano tutti i problemi del lungo quadro che stanno tentando di dipingere. Morale: vinco di 1 punto solo perché il gioco finisce con la pedina del Maestro in mio possesso. Vedi a rispettare i saggi e gli anziani: tutto di guadagnato! Scherzi a parte, questo gioco mi sorprende sempre per la sua eleganza, ma ahimè... ai miei compagni non ha detto molto. Nessuno ha visto il suo valore nascosto e il tema non ha appassionato. Secondo me avevano solo fame e non vedevano l'ora di andare a prendere la pizza. Proverò a riproporlo più avanti e tornerò all'attacco con tavolozza e pennello, è una promessa!
[approfondisci su GSNT, compra su Egyp]


[Antonio-Figlio di Griffin] Il Grande Libro della Follia • 2-4 giocatori • 12+ • 60-90' • giocato in 2 • 50 minuti
Il Grande Libro della Follia
Un collaborativo che tiro fuori sempre volentieri, perché sono innamorato delle illustrazioni di Naïade che qui, tra l'altro, rendono davvero tanto onore al tema proposto (maghi e magie) senza declinazioni troppo fumettose, se non per i mostri del Grimorio. Come scrivevo, saremo maghi impegnati a contrastare i mostri in uscita dalle pagine del Grimorio, che dovremo sigillare quanto prima. Per affrontare i mostri dovremo utilizzare le abilità (leggermente asimmetriche) del nostro personaggio/maghetto, aiutati dagli incantesimi appresi nel corso della partita. Interessante la gestione delle carte elemento che si potranno utilizzare per incantesimi e combattimenti, stando attenti a non pescare troppe carte follia, dannose per la nostra mano e per il fine partita. Il sistema di gioco è molto semplice (non necessita di sforzi particolari per essere acquisito e digerito) e inserisce un tipo collaborazione molto aperta tra i giocatori, che potranno darsi supporto praticamente sempre, mettendo a disposizione di tutti delle carte elemento scoperte. Non è un titolo per giocatori esperti, ma per giocatori – ex neofiti–  interessati ad approcciarsi a collaborativi più semplici, con un pizzico di gestione mano e una spruzzata di deck-building. L'età riportata sulla scatola l'ho trovata alquanto esagerata: secondo me lo si può proporre anche verso i 9 anni.
[approfondisci su GSNT, compra su Egyp]




Questa settimana nella nostra parte video noterete subito un'assenza: Valeria. So già che vi mancherà, ma tornerà presto, tranquilli. In compenso abbiamo caricato ben due disinscatolamenti di Fabio e un altro con la nuova "figurina" di Davide.

Stavolta cominciamo con F/\B!O che apre la scatola di Village Green, gioco di carte già apparso per ben due volte nelle nostre pillole di [Ieri Sera sui Nostri Tavoli].


Tra un Fabio e l'altro (sempre lo stesso :-D) il nostro Simarillon ci apre la scatola di un altro gioco di carte parecchio green dal titolo Origine.


Finiamo con l'apertura della scatola di All-Star Draft, un gioco da tavolo sull'Hockey che F/\B!O recensirà presto, appena avrà raggiunto un adeguato numero di partite per farlo. 

Questa settimana cosa siete riusciti a intavolare Voi? Avete giocato anche in remoto?

Scriveteci tutto nei commenti...

Se vuoi rimanere sempre aggiornato, iscriviti al nostro canale Telegram!
[Ieri Sera sui Nostri Tavoli] Kingswood, Kanagawa, Sheepland e altri 2! [Ieri Sera sui Nostri Tavoli] Kingswood, Kanagawa, Sheepland e altri 2!/>
Rating: 5

11 commenti:

  1. I personaggi in foto sono: Cthulhu, Genio, Arles, ewok, Merida, Panoramix, le sfere del drago, lo scudo di Link, la maschera di The Mask. Fin troppo facile...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Così facile che hai sbagliato :P
      Vuoi sapere quali o riprovi senza indicazioni?
      Se nessuno li riconosce entro domenica, li scriverò io prima della prossima puntata...

      Elimina
    2. Bagno d'umiltà: indicami quali va....

      Elimina
    3. [SPOILER]
      Merida è sbagliata e l'ewok mostra pure un altro riferimento...
      [/SPOILER]

      Elimina
    4. è un cross-over tra un ewok e un orsetto del cuore?

      Elimina
    5. Bingo! Ora manca solamente la rossa con l'arco...

      Elimina
    6. A me sembra un ibrido tra Dolce Memole e una versione femminile di Apollo di Pollon. Okay, basta, non dico più cavolate.

      Elimina
    7. Non saprei, non mi da nessuna vibrazione. L'arco a cigno è un indizio?

      Elimina
    8. La donna arciere che fa (secondo me) da riferimento principale non ha l'arco a cigno, però è vestita grosso modo in quel modo. Forse l'arma è una seconda citazione...

      Elimina
  2. mi arrendo, sono 3 giorni che ci penso e non mi viene in mente nulla...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. So che è una magra consolazione, ma neanch'io ci sono arrivato da solo ^_^

      Elimina

Powered by Blogger.