[Ieri Sera sui Nostri Tavoli] 7 Wonders Duel, Clank!, Darwin’s Journey e altri 2!


scritto da 
Figlio di Griffin e da tutti gli impressionanti

Buona domenica a tutti. Ai possessori di tavoli belli e a i possessori di tavoli brutti!
Questa settimana ci siamo mossi poco, ma siamo partiti addirittura dalle stelle per passare su delle isole piene d'animali e addentrarci poi nelle profondità del sottosuolo, risalendo infine con molta più conoscenza e con una lancia fra le mani una volta a casa.
Buona lettura.


[F/\B!O P.] Stellar Leap • 1-5 giocatori • 14+ • 40-80' • giocato in 2 alla prima partita • 70' compresa la spiegazione
Stellar Leap
Le illustrazioni alla "mio cugino" possono svilire un titolo altrimenti ben congegnato, anche perché per certi aspetti – in primis le plance a due strati con aree recesse e le pedine di ogni razza sagomate in maniera differente – i materiali sono sopra la media. Sul tavolo abbiamo un gioco 4X in cui i pianeti sono carte, i sistemi solari righe e le colonne sono contrassegnate in testa da un valore del dado, in modo che tirando due D6 a inizio turno vengano generate le risorse. Dal momento che i tiri di dado premiano chi è presente nelle colonne, a prescindere dal giocatore attivo che lancia, imposto la partita con un atteggiamento espansionistico e da un certo punto in poi son sempre sicuro di avere introiti, aiutato pure da un uso accorto dei poteri asimmetrici della mia razza. Monica invece preferisce meno pianeti, ma più popolosi, rimanendo indietro di qualche punto. A dir la verità pensavo di averla staccata molto di più e la conta finale mi ha riservato qualche brivido. Come prima partita l'abbiamo provato con la variante Easy Event, che fa girare una carta evento a turno invece che in base a degli eventi scatenanti, per cui sicuramente c'è la curiosità di riprenderlo in una configurazione più standard.

[Andrea P.-White Winston] Darwin's Journey • 1-4 giocatori • 14+ • 60-120' • giocato in 2 • 120' con spiegazione
Darwin's Journey
Dopo mesi di reticenza, mi sono deciso a provare Tabletop Simulator e come primo esperimento ho subito intavolato Darwin's Journey, attualmente in fase di produzione dopo il termine della campagna Kickstarter, ultimo lavoro di Simone Luciani e Nestore Mangone, che provano a confermarsi dopo l'ottimo Newton. Il gioco è un cinghiale dal peso medio-alto, basato su meccaniche di piazzamento lavoratori, collezione set e movimento su mappa. Il gameplay gira davvero a meraviglia, le combo tra i vari persorsi fioccano come neve e la soddisfazione a fine partita è stata davvero notevole, nonostante abbia perso per 2 miseri punti su 200+. Ho apprezzato molto la meccanica di specializzazione dei lavoratori, che obbliga a pianificare bene ogni piazzamento. Luciani e Mangone si confermano una coppia davvero di alto livello, confezionando un gioco dal sapore Newtoniano, ma anche Marcopoliano (due giochi che adoro), tosto come quantità di regole, ma fluido nel flusso di gioco ed estremamente profondo. Insomma, il gioco non ha tradito le mie aspettative e mi ha lasciato la voglia di riprovarlo quanto prima. Unico rammarico è dovuto al fatto che, nonostante Tabletop Simulator abbia funzionato a meraviglia, mi è mancata la componente fisica-tattile. Poco male... mi rifarò sicuramente entro la fine del 2021, quando il gioco sbarcherà in retail.
[approfondisci su GSNT]

[Matte] Clank! • 2-4 giocatori • 12+ • 30-60' • giocato in 3 • tempo 45'
Clank!
In un tardo pomeriggio domenicale, con un occhio all'orologio per non sforare e arrivare verso l'inizio del coprifuoco, ecco che tre eroi cercano di sfidare l'ira del drago nel dungeon e riportare al castello gli artefatti di valore maggiore. Il giocatore giallo ha effettuato la strategia pressoché perfetta: con i movimenti giusti e con l'acquisto di carte effettivamente molto utili ai movimenti, afferra un ottimo artefatto e scappa per tornare in tutta fretta al castello costringendo gli altri ad affrettarsi verso l'uscita. Il blu è rimasto in balia di pescate non ottimali e nonostante tutto ha chiuso la partita fuori dal dungeon, ma non al sicuro sulle mura. Il verde ha invece scelto un modo diverso di giocare, creando un'efficace combo di carte che premiano l'acquisto dei Tomi Segreti e che a fine partite li valorizzano ulteriormente. Riesce a uscire dal dungeon, non riesce a salire sulle mura, ma comunque viene salvato e con la somma dei punti delle carte e degli artefatti riesce a conquistare la vittoria. Come potete aver capito, il gioco si presta a diversi approcci e diverse strategie, anche se tutto è ovviamente soggetto alla pesca delle carte. La meccanica della fuga prima degli avversari è molto divertente e deve essere sempre valutata attentamente, altrimenti gli avversari che sono rimasti in gioco (come nella partita raccontata sopra) possono aver la meglio!
[approfondisci su GSNT, compra su Egyp]

[Antonio-Figlio di Griffin] Newton • 1-4 giocatori • 14+ • 90' • giocato in solitario • 35 minuti
Newton
Darwin's Journey mi ha riacceso la voglia di reintavolare Newton, dato che ci ho visto molte analogie, soprattutto per i diversi tracciati presenti in entrambi i giochi. Quello che vi troverete davanti, anche in solitario, è un gioco non immediato, ma molto rapido da gestire una volta capite le potenzialità delle diverse azioni e dei diversi tracciati in cui progredire o far avanzare le nostre scoperte e la nostra conoscenza. La gestione della mano di carte per cui, ad ogni turno, dovrete sacrificare una carta per poter potenziare le vostre abilità (asimmetriche) di base nei turni successivi, vi regalerà un'esperienza tanto appagante, restituendovi un senso di crescita sulle azioni che pochi titoli vi daranno. Praticamente ogni partita sarà sempre differente dalle altre, perché sceglierete – ogni volta – cosa mantenere in mano (per il tipo di azioni da svolgere) e cosa mettere sotto la plancia (per potenziare le azioni disponibili). Un grosso solitario di gruppo per abitanti de "la valle degli orti".  (^-^)
[approfondisci su GSNTcompra su Egyp]

[Valeria-MeepleOnTheRoad] 7 Wonders Duel • 2 giocatori • 10+ • 30' • 40' con spiegazione
7 Wonders Duel
Lo ammetto: ho voluto giocare facile. Mi serviva un titolo per stimolare il mio avversario e ho tirato fuori IL gioco per due. Il migliore, senza se e senza ma. Un 17° posto nella classifica generale di BGG che merita a mani basse. Ho detto al mio amico: "Questo ti piace di sicuro, fidati" e non ho sbagliato. Tanto che ha voluto subito fare un'altra partita dopo aver capito bene le regole. Solitamente non punto mai alla supremazia militare, né a quella scientifica, e me la gioco ai punti. Ma stavolta lui sembrava ignorare quello scudo rosso che inesorabile avanzava verso il suo lato del percorso e allora ho affondato. Siamo comunque arrivati alla terza epoca, ma poi è bastata una carta con tre scudi per infliggere il colpo finale. La seconda partita non è stata altrettanto semplice ed è finita in parità, risolta a suo vantaggio di 2 punti. Inutile, non trovo un singolo difetto a questo gioco: rapido, lineare, stimolante e la scelta di come usare ogni carta può essere la più facile di questo mondo o la più difficile della vita. A chi si avvicina oggi al mondo dei board game lo consiglio ancora nonostante i suoi 6 anni (che sono un'infinità in questo ambito), perché non ha eguali. Ha tutto quello cerco in un gioco e rimane un caposaldo della mia libreria.


Nella parte video di questa settimana è tornata Valeria con un suo [Gioca con me], poi abbiamo avuto il mio contributo con l'apertura di un'altra scatola localizzata in italiano e infine un delizioso nonsolograndi aperto da Fabio.

Cominciamo – come d'abitudine quando è presente – da Valeria, che ci spiega come entrare nella campagna legacy di My City, ultima novità del famoso Knizia, il quale con un sistema simil-R&W ci porterà al piazzamento di polimini/edifici per la costruzione delle nostre città.

Continuiamo con un disinscatolamento con cravatta fatto da me, Figlio di Griffin, che vi apro la ricca scatola di AuZtralia, dell'altrettanto famoso e prolifico Wallace il quale, stavolta, ci porta a costruire reti ferroviare per combattere i Grandi Antichi.

Terminiano con una certezza chiamata F/\B!O, che ci mostra il contenuto di Babacadabra, un gioco di abilità, precisione e concentrazione veloce e divertente, da fare ovunque e in pochi minuti.

E Voi cosa avete intavolato questa settimana e con chi lo avete fatto?

Saremo curiosi di leggere anche le Vostre "impressioni a caldo" post partita!

Alla prossima...

Se vuoi rimanere sempre aggiornato, iscriviti al nostro canale Telegram!
[Ieri Sera sui Nostri Tavoli] 7 Wonders Duel, Clank!, Darwin’s Journey e altri 2! [Ieri Sera sui Nostri Tavoli] 7 Wonders Duel, Clank!, Darwin’s Journey e altri 2!/>
Rating: 5

2 commenti:

  1. Anche per me 7 wonders duel è fantastico. Giocato tante volte con mia moglie. Ultimamente lo sto giocando anche con la mia figlia più grande e sono sempre partite molto tirate e incerte fino alla fine.

    Ciao

    Marcello

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero! A volte le ultime 3 carte possono ribaltare un risultato! Buon gioco ^__^

      Elimina

Powered by Blogger.