[Ieri Sera sui Nostri Tavoli] Marvel United, Gloomhaven e altri 4! (+ indovinello)

scritto da Figlio di Griffin e da tutti gli impressionanti

Buona domenica a tutti! Ai giocatori che seguono blog che scrivono di giochi belli e a quelli che seguono blog che scrivono di giochi brutti. Questa settimana abbiamo aperto una scatola e abbiamo trovato all'interno: una maschera, una roccia, un medaglione pentacolare, un tassello col numero 15 stampato sopra, una banconota di grosso taglio e un cristallo di neve. 
Buona lettura.


[Antonio-Figlio di Griffin] Marvel United • 1-4 giocatori • 10+ • durata non indicata • giocato in solitario • 30'
Marvel United
Attendevo con ansia di provare questo titolo, perché ne avevo letto benissimo in rete e perché Yuri mi aveva ingolosito con le foto di tutte le espansioni già in suo possesso oltremanica. Il regolamento è molto semplice da leggere e da acquisire. Le meccaniche sono immediate e si prestano a essere digerite anche da neofiti. Ho trovato il setup e lo spazio necessario un poco eccessivi per il gioco che è, ma si tratta di un peccatuccio veniale. L'esperienza che ho provato alla prima partita (persa miseramente contro Teschio Rosso) è stata molto positiva, perché ti lascia il coinvolgimento di dover portare a termine una missione vera e propria. Da solo guidi tre eroi contro il cattivo e i sui scagnozzi (gregari) di turno, giocando carte e gestendo segnalini. Che dire, fa venire voglia di rigiocarci e di provare le espansioni, che, sicuramente, introdurranno nuove meccaniche e nuovo "pepe" al sistema di gioco, oltre a nuovi eroi e nuovi cattivi! Sono curioso di vedere scendere in campo il Dottor Strange e il Dottor Destino! Ultima nota a margine la faccio su due cose per cui esprimo una valutazione meramente soggettiva: 1) i cartoncini delle plancette sono "-ini" "-ini", ma comprendo che sia stata una scelta funzionale al contenimento del prezzo, visto che hanno messo comunque 10 miniature nel base; 2) avrei lasciato Teschio Rosso in italiano, perché lo reputo comunque bello ed epico alla stregua di Red Skull...


[F/\B!O P.] Stonehenge and the Sun • 2-4 giocatori • 14+ • 20-45' • giocato in 4 alla prima partita • tempo 25' con spiegazione
Stonehenge and the Sun
In tanti anni, questo è il primo gioco che mi propone di forare il soffitto per fissare un gancio a vite (fornito). Fortunatamente la scatola contiene pure un gancio a S e uno adesivo, per cui posso evitarmi trapano e tassello. La ragione è che il Sole del titolo è una sfera metallica da 90 g oscillante sopra al tavolo. Gli altri componenti sono delle carte, dei dischetti, un tabellone tondo e 32 pietroni grigi: forse vi ricorderete di questo sgargiante colore per averlo già visto dominare Tokyo Highway e infatti l'editore è lo stesso (da dove possono arrivare certe idee, se non dal Giappone?). Il regolamento prevede tre giochi: due di pura destrezza e uno più strategico, quello che scegliamo noi. Mi aspettavo di manovrare una palla da demolizioni e invece c'è modo anche di ragionare. Le azioni possibili sono sostanzialmente due: impilare un pietrone in verticale (sul tabellone o su un altro pezzo verticale) spostando il proprio dischetto oppure creare una porta (architrave su due pilastri) e mantenerlo fermo. In ogni caso bisognerà poi far passare la sfera sopra al proprio dischetto, fino a farla uscire dalla parte opposta del disco: eventuali pezzi caduti sono punti negativi. Senza svelare troppi trucchetti, vi lascio intuire come erigere una porta proprio dove dovrà passare un avversario sia un bel divertimento/impedimento. Il gioco ha una presenza sul tavolo indimenticabile e ha coinvolto tutti, dai nonni ai bambini. È decisamente unico nel suo genere e sono contento che si sia guadagnato la possibilità di esistere, allargando i confini dei gdt.


[Giuls-TheUncle & Andrea-White Winston] Cthulhu: Death May Die 1-5 giocatori • 14+ • 90-120' • giocato in 2 con 3 personaggi • 150' con spiegazione regole
Cthulhu: Death May Die
Finalmente, dopo 3 mesi, riusciamo a intavolare di nuovo un gioco da tavolo un po' più corposo di una escape room o di un fillerino. C:DMD mi è arrivato da un paio di settimane, giusto il tempo di studiarmi il regolamento e di metterlo in pratica con una partita introduttiva insieme alla mia compagna, usando la combinazione Stagione 1 Episodio 1 e come Grande Antico Hastur.  Il gioco, da buon american, scorre davvero bene. Una volta capito il flusso di gioco, la partita va avanti che è un piacere se non fosse, come sempre, che il Dio dei dadi mi odia e che quello della pesca delle carte odia la mia compagna. Al primo turno il grande antico si era già mosso di un passo, portando con sé tutta una serie di simpatici disagi che per noi sono stati a lungo andare fatali. La partita è andata avanti abbastanza bene fino all'evocazione quando, purtroppo, le creature entrate con Hastur e la forza di quest'ultimo (nonché la nostra scarsità coi tiri...) ci ha sopraffatto. Non so se lo stesso scenario giocato con Cthulhu sia più affrontabile: spero davvero di scoprirlo presto. Tra la spiegazione delle regole (un po' fatta anche in game), il setup e la partita in sé, Cthulhu: Death May Die ci ha impegnato per poco più di un paio d'ore. Ho apprezzato molto la suddivisione dei capitoli per velocizzare il setup e il riordino a fine partita, anche se, per come era stato presentato, speravo in qualcosa di radicalmente più veloce. Tra i punti positivi del gioco, a parte un regolamento molto lineare e facile e una qualità dei materiali eccellente (d'altronde la CMON ci ha abituato bene), c'è la possibilità di combinare scenari e grandi antichi in modo dinamico per creare esperienze sempre diverse (12 nella prima stagione, 12 con la seconda, per poi arrivare a 48 scenari se si acquistano tutti i grandi antichi). E adesso non resta che mettersi là con santa pazienza a decorare tutte le miniature...
Secondo parere: ho giocato la mia prima partita in solitario (tra l'altro stesso episodio e stesso Grande Antico) e posso confermare ogni parola scritta da TheUncle. La mia serata ha preso una piega diversa solo quando Rasputin, rimasto orfano del suo compagno di avventure, morto in gloria al cospetto di Hastur, ha tirato fuori candeggina e ammoniaca, agitandoli come i migliori piloti sul podio del gran premio e trascinando l'Antico e i suoi seguaci in una doccia tossica letale, che li ha rispediti tutti al creatore. Epico!!!

[Valeria-MeepleOnTheRoad] Pakal • 2-4 giocatori • 8+ • 20' • giocato in 4 • 30' con spiegazione
Pakal
Finalmente a Pasqua le misure anti-COVID si sono allentate un po' e io ho potuto vedere le mie nipoti e provare insieme qualche gioco nuovo! Fra tutte le possibilità scelgo di regalare loro Pakal, perché non hanno ancora titoli che si giocano in simultanea e con un accenno di destrezza. Apriamo la coloratissima scatola nuova e subito ci immergiamo nel tempio del grande re Maya. Per una volta io non gioco: lascio che si sfidino genitori e figlie, limitandomi a girare le tessere obiettivo e a tenere il tempo. Le bambine ci mettono qualche turno a carburare, ma poi capiscono al volo il meccanismo e si divertono un sacco, avanzando sul tracciato quasi regolarmente un turno sì e uno no. I due adulti, memori di infinite partite al gioco "dei 15" – mi ricordo che io ne avevo uno in cui dovevo ricostruire l'immagine di un pinguino e lo adoravo – vanno forti nella fase di risoluzione del puzzle, ma poi si perdono nella scelta della tessera punteggio, prendendo simboli vietati o tessere che fanno avanzare poco. Dopo 20 minuti, il papà è frustrato, ma sorridente, le bimbe sono soddisfatte e la mamma si gode una magra vittoria di soli due punti sulla figlia minore, realizzando che la sfida è molto più difficile di quello che sembrava a prima vista. Io da fuori ho riso un sacco e ho apprezzato l'immediatezza, i colori, l'allegria e la praticità di questo titolo che mi ha riportato da Palenque al mio pinguino d'infanzia in meno di un quarto d'ora. Viva i classici rivisitati!

[Interesse Ludico] Gloomhaven • 1-4 giocatori • 14+ • 60-120' • prima campagna giocata in 4 • tempo rispettato in ogni scenario
Gloomhaven
Dopo una ventina di sessioni è il momento di dire la nostra su Gloomhaven, reduce di una recensione severa, ma giusta, del prode White Winston. Possiamo senz'altro confermare che i valori produttivi siano troppo bassi. Sì, c'è un quintale di roba (alziamo la scatola con una gru – NdPanda), ma se già usare standini invece delle miniature per i nemici è anacronistico, usare token non solo per gli elementi dello scenario, ma anche per le evocazioni, è proprio una cafonata intollerabile (bravo procione, all’attacco! – NdPanda). Nonostante tutto, il gameplay è così profondo che si perdona tutto, anche il vortice venutosi a creare nel portafogli. Il focus è sulla progressione del personaggio e sull’ottimizzazione delle proprie carte e dei turni: vanno di pari passo. Da un dungeon crawler ci si aspetterebbe anche una mappa vasta e da esplorare, ma Gloomhaven preferisce proporre dei minidungeon in sequenza e, piuttosto che vivere un’avventura epica, si risolve un puzzle di gruppo. L’epicità della narrazione viene poi smorzata dal fatto che dopo un po’ gli scenari affrontati aprono così tante strade, che si rischia di perdere la bussola. Per fortuna il gioco è così famoso che in giro trovate app e siti che vi aiutano a tener traccia di tutto, ma insomma, eh? Ci siamo capiti. OK, rileggendo sembra che il gioco non ci piaccia, invece siamo letteralmente dei drogati ed è molto probabile che acquisteremo gli sticker a campagna finita per farne una seconda e vedere gli scenari che ci siamo preclusi (non li hai già presi? Devo picchiarti? – NdPanda). Non chiedete a Gloomhaven di essere Descent. È ingiusto per entrambi i titoli.


[Elena-*Ele*] Snow Tails • 2-5 giocatori • 10+ • 45-60' • giocato in 4 • 60' con spiegazione
Snow Tails
Vacanze di Pasqua dedicate a corse sfrenate, così dopo Rallymam GT abbiamo intavolato Snow Tails. Era da tempo che non proponevo questo divertentissimo gioco di corse sulle slitte, ambientato nel circolo polare artico, dotato di un meccanismo di movimento con le carte così particolare e molto differente dagli altri giochi di questo tipo. Dopo una breve spiegazione, la costruzione della pista e il piazzamento di diversi alberi tra cui zigzagare, abbiamo dato il via alla sfida. Nella prima parte non c'è mai stato grande distacco tra le slitte, ma poco dopo, si sono iniziati a delineare quelli più rapidi che in alcuni punti hanno fatto mangiare parecchia neve agli altri, fino a quando gli alberi, che posizionati così scenicamente durante il setup, si sono rivelati calamite di collisioni. Superati gli ostacoli, la corsa è ripresa smodata, fino all'uscita dell'ultimissima curva, davvero tosta, per poi tagliare il traguardo. Titolo che ha coinvolto e divertito tutti, tanto che abbiamo pensato di organizzare un piccolo campionato!





Ancora tre i video di questa settimana, che vedono altrettanti unboxing a opera della Vale (come direbbe Lei), di Davide e di Fabio.

Cominciamo subito con la magica Valeria-MeepleOnTheRoad, che con i suoi poteri dà luce al disinscatolamento di Harry Potter: Un Anno a Hogwarts.



Continuiamo con Davide-Simarillion, che apre il nuovo progetto, da solo, del mago del solo Dávid Turczi, Tawantinsuyu.


Concludiamo con F/\B!O, che ci apre la scatola di una novità localizzata da Ergo Ludo e distribuita da Ghenos, 300: Terra e Acqua, un light wargame  per una sfida 1 vs 1.


Sette giorni fa la nostra Valeria è stata velocissima e lucidissima nell'individuare Otto Minuti per un Impero nell'indovinello scorso!

Questa settimana darò la soluzione rispondendo ai commenti verso il venerdì, quindi provate in tanti a individuare il gioco in questo: "grosso guaio a mezzanotte".

Ci riscriviamo e rileggiamo domenica prossima!
Se vuoi rimanere sempre aggiornato, iscriviti al nostro canale Telegram!
[Ieri Sera sui Nostri Tavoli] Marvel United, Gloomhaven e altri 4! (+ indovinello) [Ieri Sera sui Nostri Tavoli] Marvel United, Gloomhaven e altri 4! (+ indovinello)/>
Rating: 5

5 commenti:

  1. Potrebbe essere Chinatown?
    È sempre un piacere leggere le vostre recensioni!
    Ciao Patrizia

    RispondiElimina
  2. Ringrazio SUPERANIMATORE e Patrizia per aver tentato di indovinare ma, purtroppo, nessuno dei due ha centrato la risposta dell'indovinello.
    Se nessuno indovinerà dovrete aspettare il Post di domenica mattina per la risposta...

    RispondiElimina
  3. Mmm... Stavolta è difficile...MADNESS AT MIDNIGHT? 🤔

    RispondiElimina

Powered by Blogger.